24 – Nature Reserves

Sources: Wikipedia, Google Maps

Canis Lupus
Canis Lupus

From Cocullo, a short drive will take you to Abruzzo’s most amazing nature reserves and their environs…

 

The Riserva Naturale Guidata Gole di San Venanzio is a protected natural area established by the Abruzzo Region in 1998. It measures 1072 ha and is situated entirely in the territory of Raiano.

 

The Riserva Naturale Regionale delle Montagne della Duchessa is a nature reserve established by the Lazio Region as part of its Protected Areas System. It covers about 3500 ha and is located entirely in the territory of the town of Borgorose (province of Rieti), on the Duchessa mountains. To the east and south, the nature reserve borders the Abruzzo Region and the Parco Regionale Naturale del Sirente-Velino, with which it forms a continuous protected area representative of the Apennine ecosystem.

There are several ways of reaching the reserve: from Rieti, by taking the SR 578 Salto Cicolana to Borgorose and then the SP 24 to Corvaro, which is only a half hour away; from the A24, by taking the Valle del Salto exit and turning left onto the road from Corvaro to Santa Anatolia-Torano di Borgorose, then by taking the road to the picturesque town of Cartore, the starting point for the main hiking trails on the south side of the reserve;  and finally, by taking Via dello Sport in Corvaro, continuing up Via Valle Amara, and crossing the Amara Valley to reach the northeastern sector of the reserve.

 

The Riserva Naturale Monte Velino is a protected natural area established in 1987 by the Abruzzo Region and located in the province of L’Aquila. It measures 3550 ha and is the natural continuation of the adjacent Riserva Regionale Montagne della Duchessa, in the Lazio Region.

 

The Riserva Naturale Guidata Zompo lo Schioppo is a protected natural area in Abruzzo established in 1987. It measures about 1025 ha, with an additional 300-ha buffer zone, and is located entirely in the territory of the town of Morino, in the province of L’Aquila. “Zompo lo Schioppo” is the name of a waterfall in the reserve; it has a drop of 130 m and is the highest waterfall in the central Apennines.

 

The Riserva Naturale Lama Bianca is a protected natural area in Abruzzo established in 1987. It measures 1407 ha, and is located in the territory of the town of Sant’Eufemia a Maiella.

 

The Riserva Naturale Valle dell’Orfento is a protected natural area in Abruzzo established in 1971. It measures 1920 ha and is located in the province of Pescara.

 

The Riserva Naturale Guidata Calanchi di Atri is a protected natural area on Abruzzo’s Adriatic coast. It was established in 1995, measures approximately 380 ha, and is located entirely in the territory of the town of Atri, an ancient and artistically important city in the province of Teramo. The reserve can be reached from the A14 motorway by taking the Atri-Pineto exit, following the directions to the centre of Atri (7 km from the motorway exit), and then following the directions on the brown signs.

 

Fara San Martino

The Riserva Regionale Majella Orientale is a protected natural area in Abruzzo established in 1991. The reserve, which is now managed by the WWF, is located on the east side of the Majella Mountain, in the province of Chieti.

 

The Riserva naturale Fara San Martino Palombaro is a protected natural area in Abruzzo established in 1983. It measures 4202 ha and is located in the Parco Nazionale della Majella. It lies between the towns of Fara San Martino and Palombaro, in the province of Chieti, and features the striking gorges known as the Gole di Fara San Martino. The gorges are the result of erosion caused by the Verde Torrent. According to legend, San Martino opened the gap himself with his arms—probably a Christian retelling of the legend of the Pillars of Hercules. The valley is 14 km long and has a 2400-m ascent. Throughout the reserve there are numerous caves, some of which were used for worship, and some of which provided a refuge for shepherds and brigands. There has been a human presence in the area since the Bronze Age.

 

The Riserva Naturale Guidata Cascate del Verde is a protected natural area established in Abruzzo in 2001. It measures about 287 ha and is part of the territory of the town of Borrello, in the province of Chieti. The reserve is named after its waterfalls, the Cascate del Verde; they are located 800 m above sea level, and are the highest in the Apennines and the second highest in Italy. They are 200 m long, with three distinct drops down the rock face. The Verde, a stream whose source is on the Molise border, is one of the tributaries of the Sangro River.

 

The Riserva Naturale Gole del Salinello is a protected natural area located in the province of Teramo, in Abruzzo. It was established to protect the habitat of the gorges (the “gole”) of the Salinello River. It is situated within the Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. In the narrowest part of the gorge, the walls are as high as 200 m and drop precipitously into the river. In summer, many tourists like to bathe in the cool waters of the river, whose temperature does not rise above 16°. On the rocky cliffs, there are caves that were once used as retreats by hermits. The largest and best known is the “Grotta Sant’Angelo” or “Grotta di San Michele Arcangelo”, which is 30 m deep, 10 m wide, and up to 30 m high. It was used as far back as the Paleolithic period, and some objects unearthed during archaeological digs have been dated back to 6,000 BC. For centuries, the site was used for pagan worship. The first evidence of Catholic worship dates to just before 1236, with the construction of an altar dedicated to the Archangel Michael. The hermitage of Santa Maria Scalena is rather inaccessible, but the ruins of the hermitage of San Francesco alle Scalelle are easier to reach.

From the valley, it is possible to make your way to these sites from Ripe, a village administered by the town of Civitella del Tronto. The walk takes 30 minutes. From the mountain, they can be reached on foot from Macchia da Sole, near Castel Manfrino.  Access to the gorges is currently prohibited by the town.

24 – Riserve Naturali

Fonti: Wikipedia, Google Maps

Canis Lupus
Canis Lupus

Vediamo come, da Cocullo, è possibile raggiungere le più suggestive aree protette d’Abruzzo e dintorni!

 

La Riserva naturale guidata Gole di S. Venanzio è un’area naturale protetta istituita con legge della Regione Abruzzo n° 84 del 1998. Ha un’estensione di 1.072 ettari, ricadenti interamente nel territorio del comune di Raiano.

 

La Riserva Naturale Regionale delle Montagne della Duchessa, è una riserva naturale regionale che rientra nel Sistema delle Aree Protette della Regione Lazio. Istituita con la legge Regionale 70/90, si estende per circa 3500 ettari, interamente nel territorio del Comune di Borgorose, nel basso Cicolano, in Provincia di Rieti, nel territorio montuoso dei Monti della Duchessa. Il confine orientale e meridionale dell’area protetta coincide con quello regionale della limitrofa Regione Abruzzo sovrapponendosi a quello del Parco regionale naturale del Sirente-Velino, assieme al quale protegge un unicum ecologico rappresentativo dell’ecosistema appenninico.

Chi proviene da Rieti può prendere la strada a scorrimento veloce Salto-Cicolana per Borgorose e in poco più di mezz’ora arrivare a Corvaro. Si può accedere alla Riserva tramite due accessi principali: uscendo a sinistra, dopo l’uscita autostradale Valle del Salto della A24, sulla strada che da Corvaro porta a Santa Anatolia-Torano di Borgorose, si prende la strada che conduce al caratteristico borgo di Cartore, punto di partenza dei principali sentieri escursionistici del versante meridionale della Riserva; oppure percorrendo via dello Sport a Corvaro, salendo attraverso Valle Amara, si accede invece al settore nord-orientale della Riserva.

 

La Riserva naturale Monte Velino è un’area naturale protetta della Regione Abruzzo, istituita nel 1987. Occupa una superficie di 3.550 ettari sul Monte Velino, ricadente nel territorio della Provincia dell’Aquila. È la naturale prosecuzione dell’adiacente Riserva regionale Montagne della Duchessa, nella Regione Lazio.

 

La Riserva naturale guidata Zompo lo Schioppo è una area naturale protetta dell’Abruzzo, istituita nel 1987. Comprende un’area di circa 1.025 ettari più 300 ettari di fascia di rispetto, situata interamente nel territorio del comune di Morino, provincia di L’’Aquila, all’interno della Comunità montana Valle Roveto. La cascata di Zompo lo Schioppo, situata nel territorio del comune di Morino, rappresenta la cascata più alta di tutto l’appennino centrale; le acque precipitano da un’altezza di circa 130 metri per poi confluire a valle verso l’abitato di Morino.

 

La Riserva naturale Lama Bianca di Sant’Eufemia a Maiella è un’area naturale protetta dell’Abruzzo, istituita con decreto del Ministero dell’Ambiente il 5 giugno 1987. Occupa una superficie di 1.407 ettari nel territorio comunale di Sant’Eufemia a Maiella.

 

La Riserva naturale Valle dell’Orfento è un’area naturale protetta dell’Abruzzo, istituita nel 1971. Occupa una superficie di 1.920 ettari nella provincia di Pescara.

 

La Riserva naturale guidata Calanchi di Atri è una area naturale protetta dell’Abruzzo adriatico, istituita nel 1995. Comprende un’area di circa 380 ettari, situata interamente nel territorio del comune di Atri, antica città d’arte in provincia di Teramo. Per raggiungere la riserva si può uscire al casello Atri-Pineto dell’autostrada A14 Adriatica, quindi basta seguire le indicazioni per Atri centro (che è a 7 chilometri dal casello autostradale). Una volta ad Atri città, bisogna seguire i cartelli marroni indicanti la riserva.

 

Fara San Martino

La Riserva regionale Majella Orientale è un’area naturale protetta dell’Abruzzo, istituita nel 1991. La riserva, che è un’oasi WWF, occupa il versante orientale della Majella nella provincia di Chieti.

 

La Riserva naturale Fara San Martino Palombaro è un’area naturale protetta dell’Abruzzo, istituita nel 1983. Occupa una superficie di 4.202 ettari all’interno del Parco Nazionale della Majella. La riserva si estende tra i comuni di Fara San Martino e Palombaro, in provincia di Chieti. La riserva è caratterizzata dalla presenza delle Gole di Fara San Martino, una sorta di forra formata dall’erosione del torrente Verde. Una leggenda vuole che le gole fossero state aperte dalle braccia di San Martino, probabile riferimento cristiano di Ercole e delle colonne d’Ercole. Il vallone è lungo 14 km ed ha un dislivello di 2400 m. Sparse per tutta la riserva, inoltre vi sono numerose grotte di cui alcune sono state trasformate nel corso del tempo in luoghi di culto, altre sono diventate rifugio di pastori e briganti. Nella zona della riserva, la presenza umana è attestata sin dall’epoca dell’Età del Bronzo.

 

La Riserva naturale guidata Cascate del Verde è una area naturale protetta dell’Abruzzo, istituita nel 2001. Comprende un’area di circa 287 ettari situata nel comune di Borrello in provincia di Chieti. Le cascate del Verde, ad 800 m s.l.m., sono le cascate più alte dell’appennino e le seconde in Italia. Hanno un dislivello di 200 metri, e sulla parete rocciosa ci sono tre distinti salti. Il Rio Verde, le cui sorgenti si trovano al confine con il Molise, è uno degli affluenti del fiume Sangro.

 

La Riserva naturale Gole del Salinello è un’area naturale protetta della provincia di Teramo, in Abruzzo, a tutela dell’habitat delle gole create dal fiume Salinello. La Riserva si trova all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Nella parte più stretta le pareti di roccia, alte fino a 200 metri, si tuffano perpendicolarmente nel fiume. Molti turisti, nel periodo estivo, approfittano per fare il bagno nelle fresche acque del fiume, che nella bella stagione non superano i 16 gradi. Sulle pareti rocciose sono presenti degli eremi rupestri, ossia delle grotte dove un tempo vivevano gli eremiti. La grotta più famosa ed estesa è la Grotta Sant’Angelo o di san Michele Arcangelo: profonda 30 m e larga 10 m, in alcuni punti raggiunge un’altezza di 30 m. Utilizzata fin dal Paleolitico, è stata oggetto di scavi archeologici che hanno portato alla luce reperti databili fino al 6000 a.C. I culti pagani hanno caratterizzato il luogo per secoli, fino all’identificazione della grotta con il culto cattolico risalente a prima del 1236, quando venne costruito l’altare dedicato all’Arcangelo Michele. Di difficile accesso l’eremo di Santa Maria Scalena, mentre è più facile raggiungere i resti dell’eremo di San Francesco alle Scalelle.

Si raggiungono da valle camminando per circa trenta minuti a partire da Ripe, frazione del comune di Civitella del Tronto. Da monte si possono raggiungere a piedi partendo da Macchia da Sole, nei pressi di Castel Manfrino. Attualmente, un’ordinanza comunale vieta l’accesso alle Gole.

23 – National And Regional Parks

Sources: Wikipedia, Google Maps

Ursus Arctos Marsicanus
Ursus Arctos Marsicanus

From Cocullo, a short drive will take you to Abruzzo’s most beautiful parks…

 

Gran Sasso National Park

The Gran Sasso e Monti della Laga National Park, created in 1991, is the third largest national park in Italy. It lies primarily in Abruzzo (in the provinces of L’Aquila, Teramo and Pescara), and to a lesser extent in Lazio (Rieti province) and the Marche (Ascoli Piceno province). It has a surface area of about 201,400 ha, most of it mountainous. The area has recently gained in importance owing to the reintroduction of the Abruzzo chamois, the Apennine wolf and other species by the biologists of the Abruzzo National Park. The local environment suffered serious degradation during the excavation of the Gran Sasso tunnel and the construction of the underground scientific laboratories, which lowered the aquifer in the entire mountain system. The Monti della Laga sector is rich in flora.

Gran Sasso National Park

The park is crossed by a very scenic highway, the Strada Maestra del Parco, which was built along the divide between the Gran Sasso massif and the Monti della Laga chain, and connects the provinces of L’Aquila and Teramo.

 

National Park of Abruzzo – Camosciara

The National Park of Abruzzo, Latium and Molise was established in 1923. About three quarters of it is in the province of L’Aquila (Abruzzo), and the rest is in the provinces of Frosinone (Lazio) and Isernia (Molise). Its headquarters is in Pescasseroli. It is the oldest park in the Apennines, and has played an important role in the preservation of the wolf, the Abruzzo chamois and the Marsican brown bear, which are three of Italy’s most important wildlife species. The park is also home to deer, wild boar and the white-backed (Lilford) woodpecker. About two thirds of its surface is covered with beech forests, and at higher altitudes, in the scree, there are mugo pines, which are rare in the Apennines. There are also relict populations of Betula pendula, Cypripedium calceolus, Nigritella rubra widderi, Androsace mathildae and Aquilegia ottonis.

National Park of Abruzzo – Castel San Vincenzo

The park can be reached from the high Marsica by taking the Pescina exit on the A25, and from the high Sangro by taking the SS 83, which crosses the park from north to southeast and goes through the tourist towns of Pescasseroli, Opi, Villetta Barrea, Civitella Alfedena, Barrea and Alfedena. From Cocullo, it can be reached by taking the A25 exit and then the SS 479 through the Sagittario Valley and Scanno-Passo Godi. From Lazio, it can be reached by taking the SS 509 through the Forca d’Acero mountain pass.

 

Sirente-Velino Regional Park

The Sirente-Velino Regional Park is a protected area established in 1989 and located in the province of L’Aquila. It is the fourth largest such area in Abruzzo, after the national parks of Abruzzo, Lazio and Molise, the Gran Sasso, and the Majella. The name Velino comes from the ancient Marsican word vel, meaning body of water, of which there are many in the area, including some of glacial origin.

Sirente-Velino Regional Park

The park is crossed by the SS 696 road, and the easiest points of access are the towns of Rocca di Cambio, Celano, Massa d’Albe and Secinaro.

Sirente-Velino Regional Park – Piani di Pezza

 

Majella National Park – lake of Casoli

The Majella National Park, established in 1991, is one of Italy’s 24 national parks, and one of the three in Abruzzo that are encompassed within the provinces of L’Aquila, Pescara and Chieti. Its territory is compact in size, mostly clustered around the Majella massif and the Morrone mountains in the west, and around the Pizi and Porrara mountains in the east. The highest peak in the park is Monte Amaro (2793 m). More than 2,100 plant species have been identified within the park boundaries, some of them in loco by the botanists. They represent approximately one third of the flora found in Italy. There are more than 150 animal species, the most notable being the Eurasian dotterel. The park encompasses seven nature reserves, as well as sites of cultural interest.

Majella National Park

The easiest points of access to the park are the city of Sulmona in the west, the town of Pescocostanzo in the south, Guardiagrele in the east, and Lettomanoppello in the north.

23 – Parchi Nazionali E Regionali

Fonti: Wikipedia, Google Maps

Ursus Arctos Marsicanus
Ursus Arctos Marsicanus

Vediamo come, da Cocullo, è possibile raggiungere i più bei parchi d’Abruzzo!

 

Parco Nazionale del Gran Sasso

Il Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga è un parco nazionale istituito nel 1991 ed è il terzo Parco Nazionale più grande d’Italia per estensione territoriale. È situato nella maggior parte in Abruzzo (provincia dell’Aquila, Teramo e Pescara) ed in misura minore nelle zone adiacenti del Lazio (Rieti) e delle Marche (Ascoli Piceno). Il parco si estende per una superficie di circa 201.400 ettari, su un terreno prevalentemente montuoso. È compreso fra le province di Teramo, Rieti, L’Aquila e Pescara.L’ importanza dell’area è relativamente recente, incrementata grazie alle reintroduzioni di esemplari di Camoscio d’Abruzzo e Lupo appenninico effettuate dal personale del parco nazionale d’Abruzzo. L’ambiente è stato fortemente degradato a causa della costruzione del traforo del Gran Sasso e dei laboratori scientifici vicini, portando all’abbassamento della falda acquifera in tutto il sistema montuoso. Importanti presenze floristiche sui monti della Laga.

Parco Nazionale del Gran Sasso

Una strada molto suggestiva, nonché un percorso stradale di collegamento molto importante per il parco, è la Strada maestra del Parco che lo attraversa nel territorio di confine tra il massiccio del Gran Sasso e la catena della Laga, collegando la provincia dell’Aquila con quella di Teramo.

 

Parco Nazionale d’Abruzzo, Camosciara

ll Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise fu istituito nel 1923. È compreso per la maggior parte (3/4 circa) nella provincia dell’Aquila, in Abruzzo, e per il rimanente in quella di Frosinone, nel Lazio, ed in quella di Isernia, nel Molise. La direzione del parco è a Pescasseroli. Il Parco Nazionale d’Abruzzo è il più antico parco degli Appennini ed ha avuto un ruolo importante nella conservazione di alcune tra le specie faunistiche italiane più importanti: lupo, camoscio d’Abruzzo ed orso bruno marsicano. È ricoperto da boschi di faggio per circa due terzi della sua superficie. A quote superiori, nelle pietraie, crescono i pini mugo, altrimenti pochissimo diffusi negli Appennini. Altra fauna caratteristica del parco è composta dal cervo, dal capriolo, dal cinghiale ed dal picchio di Lilford. Importanti stazioni relitte di Betula pendula, Cypripedium calceolus, Nigritella rubra widderi, Androsace mathildae e Aquilegia ottonis.

Parco Nazionale d’Abruzzo, Castel San Vincenzo

Il parco è raggiungibile dall’alta Marsica (uscita di Pescina dell’A25) e dall’Alto Sangro (attraverso la Strada statale 83 Marsicana, che lo attraversa da nord a sud-est toccando centri turistici come Pescasseroli, Opi, Villetta Barrea, Civitella Alfedena, Barrea e Alfedena). Accessi secondari provengono da Cocullo (A25), attraverso la Strada statale 479 Sannite, passando per la Valle del Sagittario, da Scanno-Passo Godi, e dal territorio laziale, attraverso il valico di Forca d’Acero e l’omonima Strada Statale 509.

 

Parco Regionale del Sirente-Velino

Il Parco regionale naturale del Sirente – Velino è un’area protetta istituita nel 1989, situata in Abruzzo, in provincia di L’’Aquila, la quarta più importante della regione dopo i parchi nazionali d’Abruzzo, Lazio e Molise, del Gran Sasso e della Majella. Il nome Velino deriva dall’antico dialetto marsicano: vel sta per distesa d’acqua, di cui si ha una ricca presenza nella zona, anche grazie alle formazioni di derivazione glaciale presenti nella zona.

Parco Regionale del Sirente-Velino

Le più comoda vie di accesso sono dai comuni di Rocca di Cambio, Celano, Massa d’Albe e Secinaro. È attraversato dalla Strada statale 696 del Parco Regionale Sirente-Velino.

Parco Regionale del Sirente-Velino, Piani di Pezza

 

Parco Nazionale della Majella, lago di Casoli

ll Parco nazionale della Majella, istituito nel 1991, è uno dei tre parchi nazionali dell’Abruzzo compreso tra le province di L’Aquila, Pescara e Chieti. È uno dei 24 parchi nazionali italiani con la peculiarità di presentarsi compatto dal punto di vista territoriale. Infatti, la sua area si raccoglie attorno al grande massiccio calcareo della Majella e alle montagne del Morrone ad ovest e ai monti Pizi e Porrara ad est. La maggiore vetta compresa nell’area del parco è quella del monte Amaro (2.793 metri). Nel parco sono state censite oltre 2.100 specie vegetali che rappresentano all’incirca un terzo di tutta la flora italiana; alcune specie sono state per la prima volta identificate dai botanici proprio in loco. Le specie animali sono invece oltre 150, tra cui posto di rilievo spetta al piviere tortolino. All’interno del parco si trovano ben sette riserve naturali statali e alcuni beni d’interesse culturale, tra i più rilevanti d’Abruzzo.

Parco Nazionale della Majella

Le più comode località di accesso sono: la città di Sulmona (AQ) sul versante ovest, il paese di Pescocostanzo (AQ) sul versante sud, Guardiagrele (CH) sul versante est e Lettomanoppello (PE) sul versante nord.