04 – From Snake Catchers To Researchers

weighing of a Cervone

Birth of a symbiosis between snake catchers and herpetologists

The expertise possessed by Cocullo’s snake catchers is a precious resource to be preserved and cherished. It is astonishing that the practice of capturing snakes in their natural habitat has survived so many centuries and so many changes in the way people live. Snakes and similar animals are usually avoided, even by those who come across them while working the land or tending livestock. Here in Cocullo, it is the exact opposite.

typical habitat of the snakes of Cocullo

The acuity developed over the centuries continues to be present among today’s snake catchers, and shows no signs of waning. However, we have reached a point in our history in which society’s negative impact on the natural environment can be seen everywhere. This has made it necessary for the government to pass a series of laws designed to regulate human activity, including the capture of wild animals. Given the high cultural value that has traditionally been attributed to Cocullo’s snake ritual, the town made an official application to the ministry of the environment to have its snake catchers exempted from these laws, and the exemption was granted. The town, however, decided to do more. In addition to keeping the snake tradition alive, it undertook to protect these animals, which are so important to everyone who lives in the town.

the capture of a Cervone

In 2007, then, Cocullo established a conservation program that brought herpetologists and snake catchers together for a reciprocal exchange of information. The former left their books and took to the fields, and the latter did the opposite. Snake catchers are repositories of vast amounts of information, drawn from their direct experience while scouring the rocky patches of Abruzzo’s mountains. The herpetologists take this information, organize it, and present it in a way that makes it meaningful from a scientific standpoint.

a snake-catcher with his daughter and a Cervone

The purpose of this initiative is to increase the data available on the species of snakes used in the Feast of San Domenico. It is hoped that the findings of this research over the coming years will not only make it possible to protect these animals in the immediate area, but also offer up solutions for preserving snake populations at the regional and national levels. The fundamental principle to keep in mind is that an environment is healthy when all its components are in equilibrium. Snakes play a key role in the food chain; their presence is a positive sign, and their absence is the opposite.

a herpetologist checks the captured specimens

 

The myth of Cocullo

Daniele Risio

Cocullo is a small hilltop town with a population of about 300.  It is part of a group of local mountain municipalities known as the Comunità Montana Peligna, and is surrounded by a network of national parks (the Parco Nazionale della Majella and the Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise), nature reserves (the Riserva Naturale Gole del Sagittario and the Riserva Naturale Sirente-Velino), as well as EU-designated sites of community importance (SCIs) and special protection areas (SPAs).

San Domenico

Cocullo is known world-wide for its festa dei serpari, a snake ritual associated with the town’s patron saint, San Domenico. The origins of the ritual date back about 2000 years, when the region was inhabited by the Marsi, an ancient Italic people skilled in handling poisonous snakes and knowledgeable about herbs, magic potions and incantations. The Marsi were supposedly capable of healing people who had been bitten by poisonous snakes and rabid dogs.

draping the statue of San Domenico

In the 16th century, a Christian religious figure entered the picture: San Domenico, a Benedictine monk who, it is said, made his way on foot from Umbria to Abruzzo between the 10th and 11th centuries and, through a series of miracles, demonstrated the power to protect the local populations from poisonous snakes. Until a few decades ago, the inhabitants of Cocullo made their living by farming and herding animals on the surrounding hills and mountains, and consequently were exposed to a variety of natural dangers such as the bites of poisonous snakes and rabid dogs. They sought protection not only from these, but also from painful conditions such as toothaches and from disasters that could destroy their crops.

the procession

 

How many snakes are there in Italy? In Abruzzo? In Cocullo?

newborn Cervone [Elaphe Quatuorlineata] (Ernesto Filippi)
Italy’s biological and topographical diversity is among the highest in Europe and the Mediterranean region; Abruzzo, which boasts a large number of parks, is home to a vast variety of plants and animals; and Cocullo is surrounded by parks, nature reserves, and EU-designated Special Protection Areas (SPAs) and Sites of Community Importance (SCIs).

adult Aesculapian Snake [Zamenis Longissimus] (Ernesto Filippi)
adult Western Whip Snake [Hierophis Viridiflavus] (Gianpaolo Montinaro)
In Italy, there are 18 species of snakes, some of which are endemic to or found exclusively in this country (e.g. the Italian Aesculapian snake), some of which are very localized (e.g. the false smooth snake on the island of Lampedusa or the horseshoe whip snake in Sardinia), and some of which are very widespread (e.g. the western whip snake, the grass snake and the asp viper).

adult Grass Snake [Natrix Natrix] (Ernesto Filippi)
The area around Cocullo is close to ideal for conducting research on the protection of these animals. The Abruzzo region has nine species of snakes, and seven of them are found in the Cocullo countryside: the four-lined snake (Elaphe quatuorlineata), the Aesculapian snake (Zamenis longissimus), the western whip snake (Hierophis viridiflavus), the grass snake (Natrix natrix), the dice snake (Natrix tessellata), the smooth snake (Coronella austriaca), and the asp viper (Vipera aspis). The two species that are absent are the southern smooth snake (Coronella girondica), which is rare almost everywhere, and Orsini’s viper (Vipera ursinii), which is found almost exclusively at altitudes above 1400 metres.

Dice Snake [Natrix Tessellata]
For additional information on the reptiles of Abruzzo, please consult SHI (Societas Herpetologica Italica) website: http://www-3.unipv.it/webshi/

adult Smooth Snake [Coronella Austriaca] (Ernesto Filippi)
For information on snakes of Abruzzo and in the whole of Italy, we suggest consulting the Atlante dei Rettili d’Abruzzo, published by Ianieri (Naturaviglia series) and the Atlante dei Rettili e Anfibi d’Italia, published by Polistampa.

adult Asp Viper [Vipera Aspis] (Gianpaolo Montinaro)

Snakes used in the Feast of San Domenico

adult Cervone [Elaphe Quatuorlineata] (Ernesto Filippi)
Five types of snakes are generally on display in Cocullo. The star of the show is the four-lined snake (Elaphe quatuorlineata), for two reasons: it is the one used to “dress” the statue of the saint before it is carried through town in the procession, and it can grow to a length of more two and a half metres (it is the largest snake in Italy, and one of the largest in Europe). A snake of this size is bound to give rise to myths and legends, even though it is completely harmless, and is in fact quite useful in that its prey includes rodents of various types. The other types used are the Aesculapian snake (Zamenis longissimus), which is the one wrapped around a rod (the caduceus) in the symbol representing the medical profession; the western whip snake (Hierophis viridiflavus); and the grass snake (Natrix natrix). One that is rarely displayed is the smooth snake (Coronella austriaca), which is smaller than the others.

adult Grass Snake [Natrix Natrix] in water (Gianpaolo Montinaro)
The snake catchers begin their hunt in mid-March, when the reptiles are awakening from hibernation and starting to emerge from their lairs. (In Cocullo there is a saying, “San Giuseppe, prima serpe”, meaning that you can expect to find your first snake on Saint Joseph’s Day, which falls on March 19.) When the Feast of San Domenico is over, the snakes are returned to the area where they were captured, and there they are released.

Western Whip Snake about to bite [Hierophis Viridiflavus]
Additional information and little known facts about the snakes and other reptiles and amphibians found in the area around Cocullo are provided in the herpetological exhibit located in the town hall. The building also houses a multimedia exhibit on the Feast of San Domenico.

San Domenico in procession

 

Italian and European legislation for the protection of wildlife

One of Italy’s most important pieces of wildlife protection legislation is presidential decree 357/97, which reprises EU directive 92/CEE (the so-called “habitat directive”) and governs most of the country’s snake populations. For some species of snakes, including the four-lined snake, individual countries must identify areas in the national territory (special conservation areas) where it is essential to maintain their population at a healthy level. One of the conservation measures put in place for the protection of wildlife species prohibits the removal of specimens from their natural habitat. In specific cases, however, the ministry of the environment can grant an exemption from this requirement, if there are valid reasons to do so.

Cocullo has obtained such an exemption in recognition of the social and cultural value attributed to the Feast of San Domenico.

Aware of the opportunities that this exemption provides, the snake catchers and the town’s administrators, with the support and assistance of two herpetologists, have decided to launch an ambitious conservation and development program.

Additional information on the legislation and related subjects can be obtained from the website of the Societas Herpetologica Italica (SHI): http://www-3.unipv.it/webshi/. The SHI is a scientific association that promotes basic and applied herpetology research, the dissemination of information on herpetofauna, and the protection of amphibians and reptiles and their habitats.

 

Monitoring the health of snakes

snakes to be measured

How many people would support a program for the conservation of snakes, animals that have been the object of neglect, fear, and often hatred? Probably not many. In Italy, the new awareness of the need to protect nature has given rise to numerous initiatives to increase animal populations that show signs of decline. Wolves, bears, lynx, the Abruzzo chamois, and large birds of prey have all received attention, and have been excellent symbols of the shift in wildlife management policies. Most of the efforts have targeted mammals and birds, animals that hold considerable appeal and are therefore useful in drawing public attention to conservation issues. However, the importance of snakes in nature and the environment is indisputable, although it tends to be underestimated or disregarded. In Abruzzo, where many of the conservation efforts are concentrated, one town, Cocullo, has spearheaded a program for the protection of snake populations.  These animals, critically important in nature, are also key to the preservation of the town’s most important cultural tradition and to the sustainability of the town’s future development.

herpetologists measure a Cervone

Many snake populations, in some cases entire species, are at risk or are even threatened with extinction. Recently there have been warnings of a presumed global decline in these populations, including some Italian species. A study published in 2011 in Biology Letters, one of the scientific journals of the prestigious and authoritative Royal Society, reported some alarming danger signs, and raised such serious concerns that it was reported in other media sources, including BBC News and New Scientist.

According to a study published in 2000, well over 50% of the snakes in Italy are seriously threatened and could go into a dangerous decline.

Snakes are coming under increasing scrutiny from scientists and conservationists, because they are considered excellent indicators of the health of various land and freshwater habitats and are therefore extremely important for the management of wilderness areas and protected areas.

measurement of the length of a Cervone

Cocullo’s innovative conservation program is among the first of its type in Italy and Europe.

The monitoring has two objectives:

  • To conduct an annual assessment of the health of the animals captured and used in the Feast of San Domenico.
  • To undertake environmental field research in order to determine the distribution of snake species in the Cocullo countryside and their conservation status. The research will provide essential data for the regional monitoring of Sites of Community Importance (SCIs) and Special Protection Areas (SPAs), as required by the EU.
measurement of a Cervone’s head

A more indirect objective is to optimize the conditions under which the snakes are housed, by identifying the best terrarium management techniques and by purchasing high-quality terrariums so that the animals will stay healthy and relatively stress-free during their captivity. This will ensure that they are in the best possible physical condition once they are returned to nature.

oral swab on Cervone

In 2016, the German company Rifcon funded the purchase of professional-grade terrariums that were donated to some of the snake catchers. The terrariums were from the Playreptile store, which also contributed some of the accessories and provided invaluable advice on how to improve conditions for snakes kept in the terrariums.(http://www.playreptile.com/opencart/index.php?route=common/home)

insertion of microchip in a Four-Lined Snake (or Cervone)

 

Educational exhibit on snakes

terrariums

The snake exhibit was created by the Town of Cocullo in 2010 with funds that the Abruzzo region received from the European Union (Single Programming Document [SPD] 2000/2006). It was part of a conservation program designed to monitor the health of the snakes gathered for the Feast of San Domenico. The snakes, which have adorned the statue of the Saint every year for centuries, are threatened not only by changes in their natural habitat, but also by false beliefs perpetuated by rural legends and folk tales that have survived to this day.

educational exhibit on snakes

The purpose of the exhibit is to preserve through education; in other words, to provide visitors with information that will increase their knowledge of a group of animals that are crucial to ecological balance. The conservation program was created in response to a global appeal to arrest the loss of biodiversity by taking tangible, concrete steps at the local level.

museum

The exhibit is divided into four parts that focus on different subjects:

  • general information on snake biology, with special emphasis on poisonous snakes;
  • the five species of snakes most common in the Cocullo countryside;
  • other reptiles and amphibians present in Cocullo and the surrounding area; and
  • the conservation program that unites the efforts of snake catchers and herpetologists.

In 2011, the exhibit was expanded to include a space for terrariums where snakes used in the Feast of San Domenico can be exhibited each year. This allows visitors and school groups to observe species such as the four-lined snake in terrariums, and thus gain a better knowledge of this group of vertebrates.

The snakes are kept in the terrariums only in the spring (late March to early May), and are released in the days following the Feast of San Domenico.

terrariums

 

Contributors:

Administration of the Town of Cocullo

Alfonso Di Nola Cultural Association

Pro Loco of Cocullo

Scientists in charge of the project: Dr. Gianpaolo Montinaro (biologist) and Dr. Ernesto Filippi (environmentalist)

Veterinary expertise: Dr. Pasquale Piro (veterinarian), in collaboration with the Teramo and Avezzano offices of the Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “Giuseppe Caporale” [local branches of a national  institute for the study of animal health]

Photographs: Adriano Savoretti (nature photographer – www.adrianosavoretti.com) , Gianpaolo Montinaro and Ernesto Filippi

04 – Da Cercatori Di Serpenti A… Ricercatori!

pesatura di un Cervone

Storia di una simbiosi tra serpari e scienziati

L’esperienza dei Serpari di Cocullo è un bene prezioso da preservare e valorizzare. Aver tramandato modalità e tempi della raccolta dei serpenti nell’ambiente naturale ha dell’incredibile. Animali come i serpenti sono normalmente tenuti a distanza anche da chi lavorando i campi o pascolando il bestiame è solito trovarli nello svolgimento delle proprie attività. Qui, a Cocullo è esattamente il contrario.

ambiente tipico dei serpenti di Cocullo

La sensibilità sviluppata nei secoli è ancora viva nei serpari di oggi e non dimostra flessioni. Durante questo lungo percorso si è arrivati in un periodo storico in cui la società ha negativamente influito sul nostro patrimonio naturale. Da qui è nata la necessità di regolare le attività umane e tra queste ad esempio la raccolta degli animali selvatici attraverso una serie di leggi. L’elevato valore culturale, associato da sempre a questa tradizione, consente ai serpari di avvalersi di una deroga alla legge nazionale e comunitaria. A concederla è il Ministero dell’Ambiente, a cui il comune ha fatto richiesta ufficiale. La comunità di Cocullo decide di fare di più. Continuando a mantenere viva la tradizione della festa nella sua interezza si costruisce un percorso che si prenda cura della salute degli animali così importanti per tutte le persone che vivono in questo paese.

la cattura di un Cervone

Nasce così nel 2007 il progetto di conservazione che vede uniti erpetologi e serpari in uno scambio reciproco di informazioni. Dai libri sul campo i primi, il contrario i secondi. I serpari sono un incredibile fonte di informazioni che deriva da un’esperienza diretta vissuta tra le rocce delle montagne abruzzesi. A riunire questa mole di dati e a uniformarla e renderla leggibile in termini scientifici entrano in gioco gli erpetologi.

un serparo con sua figlia e un Cervone

La fusione di queste conoscenze ha lo scopo di aumentare le notizie sulla biologia delle specie di serpenti impiegate durante la cerimonia della festa di San Domenico. L’ambizione è riuscire ad utilizzare i risultati che saranno raggiunti nel corso dei prossimi anni per conservare questi animali non solo a livello locale ma fornendo indicazioni che possano avere una validità per le popolazioni regionali e nazionali di ofidi. Il principio fondamentale è ricordare che un ambiente è sano quando tutte le sue componenti sono in equilibrio. I serpenti rivestono un ruolo chiave nelle catene alimentari. La loro presenza è indice di qualità, la loro assenza…no!

un erpetologo verifica gli esemplari catturati

 

Il mito di Cocullo

Daniele Risio

Arroccato su un poggio calcareo con una popolazione di circa 300 abitanti, Cocullo è un piccolo paese, compreso all’interno della Comunità Montana Peligna, circondato da parchi nazionali (P.N. della Majella e P.N. d’Abruzzo, Lazio e Molise), riserve naturali (R.N. Gole del Sagittario e Sirente-Velino), siti di importanza comunitaria (SIC) e zone di protezione speciale (ZPS).

San Domenico

Cocullo è famoso in tutto il mondo per il rito ofidico legato alla figura di San Domenico. Le radici del culto sembrano risalire a 2000 anni fa, quando nella terra del Fucino vivevano i Marsi, un’antica popolazione italica. Maneggiatori di serpi velenose, conoscitori di erbe, di formule magiche ed incantesimi, ai Marsi veniva associata la capacità di guarire gli umani dai veleni degli ofidi e i cani dalla rabbia.

vestizione di San Domenico

Nel corso del XVI secolo subentra la figura di San Domenico che fra il X e XI secolo, camminando dall’Umbria all’Abruzzo, avrebbe, con una serie di miracoli, liberato la popolazione locale dai serpenti velenosi. Cocullo era fino a pochi decenni fa luogo dove i pastori ed i montanari cercavano sostegno contro le avversità della natura, dai rischi legati ai serpenti al morso dei cani ma anche delle odontalgie e degli eventi calamitosi dannosi per l’agricoltura.

San Domenico in processione

 

Quanti serpenti vivono in Italia? E in Abruzzo? E a Cocullo?

Cervone [Elaphe Quatuorlineata] neonato, Ernesto Filippi
La nostra penisola è tra le aree geografiche d’Europa e del Mediterraneo con elevata diversità di vita e di paesaggio. L’Abruzzo è la regione dei parchi per eccellenza e conserva una percentuale elevatissima di piante e animali. Cocullo è crocevia tra parchi, riserve naturali, zone di protezione speciale e siti di importanza comunitaria.

Saettone Comune adulto [Zamenis Longissimus], Ernesto Filippi
Biacco adulto [Hierophis Viridiflavus], Gianpaolo Montinaro
In Italia vivono 18 specie di serpenti, alcuni dei quali endemici, ovvero presenti esclusivamente nel nostro paese (ad es. il saettone occhirossi), oppure molto localizzati (come il colubro cappuccino sull’Isola di Lampedusa o il colubro ferro di cavallo in Sardegna). Molti sono largamente diffusi e tra questi troviamo il biacco, la natrice dal collare e la vipera comune.

Natrice dal Collare [Natrix Natrix] adulta, Ernesto Filippi
Il territorio di Cocullo, rispetto alla potenzialità regionale (9 specie), si presta ad essere un luogo molto importante per la salvaguardia dei serpenti. Sette tipi diversi di ofidi strisciano tra i sassi di Cocullo: il cervone (Elaphe quatuorlineata), il saettone comune (Zamenis longissimus), il biacco (Hierophis viridiflavus), la natrice dal collare (Natrix natrix), la natrice tassellata (Natrix tessellata), il colubro liscio (Coronella austriaca), la vipera comune (Vipera aspis). Le due specie che mancano all’appello sono la coronella girondica, animale molto raro quasi ovunque e la vipera di Orsini che frequenta quasi esclusivamente ambiente appenninici al di sopra dei 1400 metri di quota.

Natrice Tassellata [Natrix Tessellata]
Per ulteriori informazioni sulle specie di rettili abruzzesi è possibile consultare la recente pubblicazione:

Sito SHI, Societas Herpetologica Italica: http://www-3.unipv.it/webshi/

Colubro Liscio adulto [Coronella Austriaca], Ernesto Filippi
Per ampliare le conoscenza sui serpenti nazionali ed abruzzesi suggeriamo di consultare:

  • Atlante dei Rettili d’Abruzzo – Casa Editrice Ianieri (collana Naturaviglia)
  • Atlante dei Rettili e Anfibi d’Italia – Ed. Polistampa
Vipera Comune [Vipera Aspis] adulta, Gianpaolo Montinaro

I serpenti della festa di San Domenico

Cervone [Elaphe Quatuorlineata] adulto, Ernesto Filippi
A Cocullo vengono mostrati in genere cinque specie di serpenti. La specie protagonista è il cervone (Elaphe quatuorlineata), sia perché utilizzata per vestire la statua del Santo, prima che questa vada in processione per i vicoli del paese, sia perchè in grado di superare i due metri e mezzo di lunghezza (è il serpente più grande tra quelli italiani e tra quelli di maggior mole in Europa). Un serpente di tali dimensioni, seppure totalmente inoffensivo, anzi utile in quanto tra le prede vi sono varie specie di roditori, non poteva sfuggire a miti e leggende. Le altre specie sono: il saettone o colubro di Esculapio (Zamenis longissimus), il serpente rappresentato arrotolato su di un bastone (caduceo) simbolo dell’attuale professione medica,  il biacco  (Hierophis viridiflavus) e la biscia d’acqua (Natrix natrix). Raramente e in numero assolutamente esiguo è la cattura del piccolo colubro liscio (Coronella austriaca).

Natrice dal Collare [Natrix Natrix] adulta in acqua, Gianpaolo Montinaro
I serpari incominciano ad andare per serpi dopo la metà di marzo, quando gli ofidi incominciano ad uscire dalle tane di svernamento. A Cocullo si è soliti dire: “San Giuseppe, prima serpe”. Alla fine della festa gli animali vengono liberati in prossimità dei punti in cui sono stati intercettati.

morso di Biacco [Hierophis Viridiflavus]
Ulteriori informazioni e curiosità sulle specie di serpenti ed in generale di rettili ma anche di anfibi presenti sul territorio sono presenti nella mostra documentaria erpetologica sita all’interno della sede comunale dove è possibile accedere anche al Percorso museografico sul rito di San Domenico.

San Domenico in processione

 

Legislazione nazionale e europea per la tutela della fauna

Entrando nel merito della legislazione in tema di tutela della fauna, una delle leggi italiane più importanti in questo settore è il DPR n. 357/97 che recepisce la direttiva europea 92/CEE detta “Direttiva Habitat” e tutela la maggior parte dei serpenti italiani. Per alcune di queste specie, tra cui il cervone, le nazioni devono individuare aree del territorio nazionale fondamentali per garantire il loro mantenimento in un buono stato di conservazione (Zone Speciali di Conservazione). Una delle misure di conservazione delle specie animali è il divieto di prelievo di esemplari dalla natura. In casi specifici, il Ministero dell’Ambiente ha il potere di concedere una serie di deroghe a questo divieto per motivi validi.
Cocullo ha ottenuto la deroga dal Ministero dell’Ambiente per il riconosciuto valore sociale e culturale attribuito alla festa di San Domenico.
Alla luce di ciò i serpari e l’amministrazione comunale, sostenuti e coadiuvati da due ricercatori erpetologi, hanno deciso di avviare un progetto di conservazione e sviluppo molto ambizioso.

Ulteriori informazioni sulla legislazione e non solo possono essere cercate sul sito della Società Erpetologoca Italiana (SHI): http://www-3.unipv.it/webshi/

La Societas Herpetologica Italica (S.H.I.) è una associazione scientifica che promuove la ricerca erpetologica di base e applicata, la divulgazione delle conoscenze sull’erpetofauna e la protezione degli Anfibi e Rettili e dei loro habitat.

 

Monitoraggio della salute dei serpenti

Cervoni da misurare

Quanti sono pronti a sostenere un progetto di conservazione a favore di animali negletti, temuti e spesso odiati quali i serpenti? Probabilmente pochi. Da quando si parla di conservazione della natura, numerose iniziative hanno cercato di incrementare popolazioni di animali del nostro paese che mostravano andamenti demografici negativi. Il lupo, l’orso, la lince, il camoscio d’Abruzzo, i grandi rapaci sono stati simboli eccellenti di un cambiamento delle politiche di gestione del patrimonio naturale nazionale. Mammiferi e uccelli sono le classi di vertebrati su cui si investe maggiormente. Il loro fascino è innegabile e questo attrae l’attenzione pubblica sulla tematica della conservazione. Tuttavia l’importanza ecologica e naturalistica dei serpenti è indiscutibile, anche se spesso poco nota o sottovalutata. In Abruzzo, terra dove si concentrano numerose di queste azioni di conservazione, un Comune, Cocullo, ha avviato per la prima volta un progetto in aiuto delle popolazioni di serpenti, consapevole dell’importanza assoluta di questi animali anche in funzione del mantenimento di un’importante tradizione culturale e di uno sviluppo futuro sostenibile del Comune medesimo.

erpetologi misurano un Cervone

Molte popolazioni di serpenti e in alcuni casi addirittura specie, sono minacciate e/o sono a rischio di estinzione. È assai recente, per esempio, l’allarme su un presumibile declino globale dei serpenti, che coinvolgerebbe anche alcune specie italiane. Lo studio pubblicato nel 2011 su Biology Letters, rivista scientifica della prestigiosa e autorevole Royal Society, evidenzia alcuni allarmanti segnali di pericolo e ha destato preoccupazione tanto da essere stato rilanciato, tra gli altri, da BBC News e New Scientist.

Secondo uno studio pubblicato nel 2000, ben oltre il 50% degli ofidi italiani è seriamente minacciato e potrebbe andare incontro ad un pericoloso declino.

Oltre a ciò, i serpenti sono sempre più al centro degli interessi scientifici e conservazionistici in quanto considerati eccellenti indicatori dello stato di salute dei vari habitat terricoli e delle acque dolci e, dunque, di grande importanza per la gestione delle aree naturali e delle aree protette.

misurazione della lunghezza di un Cervone

Questo progetto innovativo di conservazione è tra i primi del genere in Italia e in Europa.

 Obiettivi del monitoraggio sono:

  • verifica annuale dello stato di salute degli animali catturati e utilizzati per la festa
  • avvio di un’indagine ecologica sul campo che consenta di verificare la distribuzione della specie nel territorio di Cocullo e il loro status di conservazione. Tale indagine fornirà dati essenziali nell’ambito dei programmi di monitoraggio regionale dei SIC e della ZPS, come richiesto dalla Comunità Europea.
misurazione della testa di un Cervone

Ulteriore obiettivo è l’ottimizzazione delle condizioni di stabulazione dei serpenti, divulgando l’applicazione di idonee metodologie di terraristica, acquistando terrari di standard elevato, il tutto mirato al mantenimento dell’integrità degli individui garantendo loro una minimizzazione dell’eventuale stress nel periodo di cattività e uno status fisico e di salute ottimale al momento del rilascio in natura.

tampone orale su un Cervone

Nel 2016 la società tedesca Rifcon ha finanziato l’acquisto di terrari professionali donati ad alcuni serpari. I terrari sono stati acquistati presso il negozio Playreptile, che ha offerto una preziosa collaborazione anche per migliorare gli aspetti di detenzione dei serpenti in terrario oltre che sponsorizzare parte degli accessori.(http://www.playreptile.com/opencart/index.php?route=common/home)

inserimento microchip a un Cervone

 

La Mostra Documentaria Erpetologica

le teche con i serpenti

La mostra sui serpenti, realizzata dal Comune di Cocullo nel 2010 con fondi europei (docup 2000/2006) della Regione Abruzzo, nasce all’interno di un progetto di conservazione pensato per monitorare la salute dei serpenti raccolti per la festa di San Domenico. I serpenti che, ogni anno da secoli, adornano la statua del Santo sono animali minacciati dalle trasformazioni dei loro habitat naturali ma anche da una serie di false informazioni legate a leggende rurali e culturali arrivate fino al giorno d’oggi.

mostra documentaria erpetologica

Preservare attraverso la conoscenza , questo è lo scopo della mostra. Dare informazioni ai visitatori che permettano di conoscere  meglio un gruppo di animali fondamentale per gli equilibri degli ecosistemi. Il progetto di conservazione risponde alla richiesta mondiale di arrestare la perdita di biodiversità fornendo il proprio contributo a livello locale, tangibile, concreto.

Museo della Festa

La mostra è articolata in quattro sezioni in cui vengono sviluppate le seguenti tematiche:

  • informazioni generali sulla biologia dei serpenti con un approfondimento sui serpenti velenosi;
  • le cinque specie di serpenti più frequenti nel territorio comunale;
  • i restanti rettili e gli anfibi di Cocullo e dintorni;
  • il progetto di conservazione “da cercatori di serpenti a…ricercatori”: storia di una simbiosi tra erpetologi e serpari.

Nel 2011 la mostra è stata ampliata creando uno spazio terraristico dove verranno annualmente esposti i serpenti della festa. I cervoni presenti all’interno delle teche potranno così essere osservati da visitatori e da scolaresche e contribuire a migliorare la conoscenza di questo gruppo di vertebrati.

I serpenti rimarranno nelle teche esclusivamente nel periodo primaverile (fine marzo-inizio maggio) e verranno liberati i giorni successivi la festa di San Domenico.

le teche con i serpenti

 

A cura di:                                                                                                                                                   

Amministrazione Comunale di Cocullo

Associazione Culturale Alfonso Di Nola

Pro Loco di Cocullo

Responsabili scientifici del progetto: Dott. Gianpaolo Montinaro (Biologo) e Dott. Ernesto Filippi (Naturalista)

Aspetti veterinari: Dott. Pasquale Piro (Veterinario) in collaborazione con Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “Giuseppe Caporale” (sedi di Teramo ed Avezzano)

Fotografie: Adriano Savoretti (Fotografo Naturalista – www.adrianosavoretti.com), Gianpaolo Montinaro ed Ernesto Filippi