06 – Permanent Exhibit

Since 2004, the town hall building has housed a multimedia exhibit dedicated to the various phases of the Feast of San Domenico. The exhibit illustrates key moments in the event, both those involving the religious celebration and those involving the snake ritual, including the snake catchers’ interaction with pilgrims and visitors. The most prominent images are those featuring the religious rites performed inside the church or at the church entrance (pulling the bell rope with one’s teeth, picking up handfuls of blessed earth, and draping the statue of San Domenico with snakes); the procession, during which the statue of the saint is carried through the streets of the town; the arrival of companies of pilgrims; the faces of the people who crowd the square; and the serpari, or snake catchers, displaying the snakes that they have captured.

Visitors to the museum can also learn about similar traditions in other parts of Abruzzo by consulting the museum’s voluminous documentation on the subject. On the second floor, they can view a snake exhibit that includes three display cases in which the reptiles’ natural habitat is reproduced. Members of the scientific committee are on hand to give educational talks or provide information. Visitors can also arrange to visit the wind farm, located in the mountains above the town.

The exhibit moves through a series of connected spaces that will eventually include a multimedia archive.  The archive will be used to reproduce, catalogue and display every known document relating to the Feast of San Domenico and the veneration of the saint. The exhibit and the archive will serve different purposes: the exhibit, whose content may change from time to time, will focus on issues relating to the contemporary reality of the ritual; the archive will contain historical and anthropological material exploring a variety of themes (social, economic, geographical, cultural, religious, etc.).

The decision to provide visitors with both a space for easily viewing and assimilating information (the exhibit) and a space for more in-depth analysis (the archive) was based not only on practical considerations arising out of space limitations and the need to meet a variety of needs and interests, but also, and above all, on the unique nature of the asset being preserved. Like all rituals, the Feast of San Domenico is the result of a complex cultural dynamic between past and present, tradition and modernity. It is re-enacted, year after year, through codified behaviours that recall the past but that must continue to be meaningful in the present day and in the future. The celebration took shape in a society of farmers and shepherds for whom this was only one of the town’s religious feast days. Now that that society has disappeared, it has become the town’s only feast day – and, paradoxically, the event for which the town is best known. Indeed, with the demise of agrarian and pastoral life, this local religious celebration, against all expectations, has metamorphosed into an international phenomenon. Today, the outside world associates Cocullo with the Feast of San Domenico. The local population, for its part, identifies almost completely with it, and sees it as a vehicle for preserving its past and safeguarding its future.

  • Area 1: May 1
  • Area 2: Symbols upon symbols
  • Area 3: The sacred and the profane
  • Area 4: Who is the celebration intended for?
  • Area 5: The sacred and the saint – San Domenico unites the two traditions
  • Area 6: How the ritual unfolds – the town on the day of the celebration

Days and hours of operation:

Days and hours of operation may vary depending on staff availability.

For information and tours:

+39 3486111536 \ Associazione Alfonso Di Nola \ info@associazionedinolacocullo.it

06 – Mostra Permanente

Dal 2004 è stata allestita all’interno del palazzo comunale la mostra multimediale relativa alle varie fasi del rito. Essa illustra i momenti più significativi della festa, sia quelli religiosi sia quelli riguardanti la tradizione dei Serpari ed il loro contatto con pellegrini e visitatori. Tra i momenti salienti presenti nei vari “quadri” particolare risalto viene dato ai riti religiosi che si svolgono all’interno o sulla soglia del santuario (suono della companella con i denti, raccolta della terra “benedetta”, momento della vestizione della statua del santo con le serpi), alla processione per le vie del paese con la statua del santo, all’arrivo delle compagnie dei pellegrini, ai volti della grande folla presente nella piazza, ai Serpari con le serpi raccolte.

Oltre alla mostra, chi visita il museo potrà approfondire altri riti che si svolgono nel resto della regione, grazie all’ampia documentazione di cui il Centro è dotato. Al piano superiore del museo è stata allestita una mostra erpetologica, con tre “teche” all’interno delle quali è stato ricostruito lhabitat naturale nel quale vivono le serpi. Per chi volesse, i componenti del Comitato Scientifico del Centro sono a disposizioni per tenere lezioni e per informare i visitatori. Oltre al museo è possibile anche visitare il parco eolico situato sulla montagna che circonda il paese.

L’esposizione si articola in vari ambienti allestiti in previsione di un ulteriore spazio che ospiterà un archivio multimediale. Lì saranno riprodotti, catalogati e presentati, come è ripetuto anche nel testo della mostra, tutti i documenti conosciuti riguardanti la festa e il culto di San Domenico. Alla mostra, che periodicamente potrà mutare i suoi temi espositivi, è dunque affidato il compito di isolare qualche problema posto dalla realtà contemporanea dell’evento rituale; all’archivio saranno invece affidati percorsi organici di approfondimento storico e antropologico in molteplici direzioni (società, economia, territorio, cultura, religione, ecc.).

La separazione tra un momento di più immediata lettura (la mostra) e un momento di riflessione analitica (l’archivio) non dipende solo da ragioni pratiche, relative allo spazio disponibile e alla necessità di prevedere percorsi proporzionati alle diverse esigenze dei visitatori. Dipende soprattutto dalla specificità del bene culturale considerato. Come ogni rito, anche la festa di Cocullo è il risultato di un complesso dinamismo culturale tra passato e presente, fra tradizione e modernità. Si ripete di anno in anno attraverso comportamenti formalizzati che richiamano il passato, ma è nel presente e nella prospettiva del futuro che ieri come oggi tali comportamenti trovano ragion d’essere. La festa di Cocullo ha preso forma in un mondo contadino e pastorale in cui era una delle feste del paese. Oggi che quel mondo è considerato scomparso, è diventata la festa del paese, anzi Cocullo è diventato il paese della festa. Con il tramonto della vita agrario-pastorale, una sua ricorrenza devozionale locale, anziché seguire la stessa sorte, si è trasformata in appuntamento di eco internazionale. Il territorio di Cocullo è oggi dagli estranei identificato con questa festa. E la comunità locale ormai con questa festa si identifica quasi totalmente e vi cerca tutto il suo passato e tutto il suo avvenire.

  • Area 1: il 1° maggio
  • Area 2: simboli su simboli
  • Area 3: sacro e profano
  • Area 4: destinatari
  • Area 5: il sacro e il Santo, San Domenico eroe della sintesi
  • Area 6: il racconto del rito – il paese della festa

Giorni e orari di apertura:

Gli orari e i giorni di apertura potranno variare sensibilmente in base alla disponibilità del personale.

Per info e visite:

+39 3486111536 \ Associazione Alfonso Di Nola \ info@associazionedinolacocullo.it

05 – Study Centre

Alfonso Maria di Nola in Cocullo

Because of the prestige that the Festa di San Domenico (Feast of San Domenico) and the associated Rito dei Serpari (Snake Ritual) have gained over the years, and because of the attention that this celebration has received from eminent scholars in Italy and other European countries, Cocullo has set itself the goal of becoming a hub for the study of Abruzzo’s folk traditions. One scholar who regularly attended the annual event was Alfonso M. di Nola, a noted anthropologist who was made an honorary citizen of Cocullo for his commitment and the studies that he dedicated to the tradition and the town that hosted him. Professor Di Nola died a few months before the 1997 celebration. That year the town, in conjunction with a group of experts led by Professor Emiliano Giancristofaro and Professor Ireneo Bellotta, decided to set up a Centro Studi e Documentazione per le Tradizioni Popolari (Centre for the Study and Documentation of Folk Traditions). Since then, the Centre has become a focal point for the study of cultural anthropology and folk traditions. Today, Cocullo hosts conferences attended by leading international experts, and is visited by specialists, interested amateurs and students wishing to explore the wide array of paper, video and digital resources available at the Centre.

Alfonso Maria di Nola

The Centre, which is located in the same building as the municipal offices, also offers an education and information program for school groups and visitors. One of its aims is to spotlight issues relating to man’s relationship with nature, including the need to produce renewable energy and adopt lifestyles that are not detrimental to the environment. The program fosters an awareness of the area’s natural habitats, and promotes the conservation of local flora and fauna. One wing of the building houses a multimedia exhibit. The Centre has sponsored the publication of scientific studies and other informational material on the festival, thereby making it better known among scholars and the public at large. It includes an extensive library containing information on the most important festivals in Abruzzo and elsewhere. These events, which celebrate the region’s history, religion and folklore, attract hundreds of thousands of visitors to Abruzzo each year.

ancient map kept at the town hall

The library holdings and other documentation are catalogued and updated regularly by members of the Associazione Culturale Alfonso M. di Nola, which was founded in Cocullo in 2009. Members of the scientific committee are on hand to explain the main aspects of the various traditions. The building also houses the Museo Multimediale di Documentazione per le Tradizioni Popolari (Multimedia Museum for the Documentation of Folk Traditions). Together, the Centre and the Museum constitute a complex, multifaceted project designed to give meaning to the history and traditions of many communities in central Abruzzo, and to ensure their relevance now and in the future. Over the course of a year, hundreds, perhaps thousands, of people are involved in organizing the numerous events that make up the vast and complex panoply of folk traditions. These traditions are central to the lives of the communities that host them. They also have considerable economic value: they are a source of income for the numerous vendors who travel from festival to festival; they enable local artisans to showcase their products; and they attract large numbers of visitors who will return as tourists once they have seen the beauty of these areas.

seventeenth century parchment kept at the town hall

What the Centre and the Museum aspire to do is to use the Feast of San Domenico, the most famous of these annual festivals, to make us see folk traditions in a new light – not as phenomena disconnected from the world of today, but as a constant source of enrichment in our lives. The aim is to introduce modern elements into these traditions, but do so in a respectful manner, without impinging on their spontaneity and authenticity.

The Centre was designed to be used year-round: it could be visited by groups of schoolchildren who, as part of an extracurricular program, could examine and consult first-hand a variety of documents that would introduce them to the world of folk traditions; it could host practicums for university students; and it could provide experts from inside and outside the country with opportunities to share their views on the subject. In other words, it could play a key role in the cultural life of Abruzzo by illuminating a subject fundamental to its history and identity.

Location and resources available

The Centre is located in the town hall building, on Cocullo’s main square. It has the following resources:

  • a multimedia exhibit on the Snake Ritual and the Feast of San Domenico;
  • a library specializing in cultural anthropology studies on the Snake Ritual and Abruzzo’s other folk traditions; its holdings include the collected works of Professor Alfonso M. di Nola and papers written by his students;
  • volumes published under the auspices of the Centre;
  • the proceedings of conferences organized by the Centre from 1997 to the present;
  • a collection of articles on the festival published by newspapers in Europe and around the world;
  • television documentaries on the festival produced by broadcasters in Abruzzo, Italy and Europe;
  • an animated exhibit showing the principal characteristics of the snakes that populate Cocullo’s countryside;
  • an archive of folk traditions; and
  • an archive of historical documents that provide a record of events in Cocullo over the centuries.

Visitors have access to the following:

  • a conference room;
  • a multimedia room, including a computer, a projector and other equipment;
  • a digital catalogue of library holdings;
  • staff members who can provide them with a guided tour; and
  • experts in cultural anthropology and folk traditions who regularly conduct seminars on request.

05 – Il Centro Studi

Alfonso Maria di Nola a Cocullo

Cocullo, per il prestigio che ha raggiunto negli anni la sua festa, il Rito dei Serpari legato al culto di San Domenico Abate, aspira ad essere punto di riferimento per gli studi sulle tradizioni popolari abruzzesi. Anche grazie alla frequentazione del Rito da parte di prestigiosi studiosi italiani ed europei. Tra questi spicca la figura di Alfonso M. di Nola, eminente antropologo, nominato cittadino onorario di Cocullo, in seguito alla frequentazione ed agli studi da lui dedicati al Rito e al paese che lo ospita.
Proprio in occasione del Rito del 1997, a pochi mesi dalla scomparsa di di Nola, il comune, d’intesa con un gruppo di studiosi coordinati dai professori Emiliano Giancristofaro ed Ireneo Bellotta, decise di istituire, a Cocullo, il Centro Studi e Documentazione per le Tradizioni Popolari. Il Centro è divenuto negli anni un polo di attrazione per lo studio delle tematiche di antropologia culturale e delle tradizioni popolari. Ad oggi Cocullo è sede di convegni ove intervengono i maggiori esperti del settore a livello internazionale ed ospita specialisti, cultori della materia e studenti che desiderino avvalersi del patrimonio bibliotecario cartaceo, della videoteca e dei documenti digitalizzati.

Alfonso Maria di Nola

Il Centro realizza inoltre un’opera di formazione e divulgazione rivolta alle scolaresche e ai visitatori, dedicata anche alle problematiche relative al rapporto dell’uomo con la natura, quale la necessità di produrre energia rinnovabile e di tenere uno stile di vita ecocompatibile; alla conoscenza dell’ambiente circostante; alla salvaguardia delle specie floreali e faunistiche che vivono sul territorio.
Un’ala del palazzo comunale ospita una mostra multimediale.
Il Centro ha promosso la pubblicazione di studi scientifici e di opere di carattere divulgativo dedicate al rito, favorendone la conoscenza sia tra gli studiosi sia presso una più vasta platea di lettori.
Il Centro è dotato di un’ampia biblioteca dedicata alle maggiori manifestazioni popolari d’Abruzzo e non solo. Si tratta di appuntamenti storici, religiosi, folcloristici, che ogni anno richiamano in Abruzzo centinaia di migliaia di visitatori.

antica mappa custodita nel Comune

La catalogazione e il costante aggiornamento del patrimonio bibliotecario e documentaristico sono a cura dell’Associazione Culturale “Alfonso M. di Nola”, fondata a Cocullo nel 2009. I membri del Comitato Scientifico sono a disposizione per illustrare le caratteristiche salienti delle manifestazioni. Il Centro ed il Museo Multimediale di Documentazione per le Tradizioni Popolari è un progetto complesso, articolato in più momenti, che si propone di dare un senso alla storia, alla tradizione e quindi al presente e al futuro di comunità di una vasta area interna della regione Abruzzo. L’organizzazione dei vari momenti nei quali si articola il vasto e complesso mondo delle tradizioni popolari coinvolge centinaia e forse migliaia di persone nell’arco di un intero anno. Rappresenta, quindi, un pezzo di vita di queste popolazioni. È anche un’attività economica vera e propria, in quanto muove notevoli risorse. Consente a tante imprese commerciali ambulanti di fare cassa. Offre una vetrina all’artigianato artistico delle zone montane. Consente, richiamando un grande numero di turisti, di mettere in vetrina le bellezze paesaggistiche del territorio.

pergamena del XVII sec. custodita presso il Comune

Il Centro Multimediale ed il Museo ”A. Di Nola” di Cocullo si propongono quindi, facendo leva sulla più famosa tra le feste che si svolgono durante l’anno, di far uscire la vasta produzione e la fenomenologia dei riti dall’effimero, trasformando il tutto in qualcosa di fruibile sempre, senza sovrapporsi alla spontaneità e alla genuinità delle manifestazioni. Introdurre elementi di modernità, ma rispettosi della tradizione.

L’idea dalla quale è nato il Centro è quella di realizzare una struttura che abbia vita nell’intero arco dell’anno. Che ospiti scolaresche che, nell’ambito delle attività extrascolastiche, possano studiare e consultare direttamente documenti che li introducano alla conoscenza del mondo delle tradizioni popolari. Che ospiti stages con studenti universitari. Che preveda momenti di confronto sull’argomento per studiosi italiani e stranieri. Che vedano il Centro protagonista della vita culturale dell’intera regione su un argomento che è fondante dell’identità e della storia dell’Abruzzo.

Ubicazione e strumenti in dotazione

 Il Centro, ubicato nel palazzo comunale sito nella piazza centrale di Cocullo, ospita:

  • Mostra Multimediale sul Rito dei Serpari e la festa di San Domenico Abate;
  • Biblioteca dedicata agli studi di antropologia culturale sul rito dei serpari e sulle tradizioni popolari abruzzesi, contenente tra l’altro l’opera omnia di Alfonso M. di Nola e gli studi dei suoi allievi;
  • Volumi pubblicati a cura del Centro;
  • Atti dei convegni realizzati dal Centro dal 1997 ad oggi;
  • Emeroteca con gli articoli dei giornali europei e mondiali sul Rito cocullese;
  • Documentari realizzati dalle TV abruzzesi, nazionali ed europee sul Rito;
  • Mostra animata sulle caratteristiche delle principali tipologie di serpi presenti nelle campagne cocullesi;
  • Archivio delle tradizioni popolari;
  • Archivio di documenti storici antichi sugli eventi cocullesi nei secoli

I visitatori hanno a disposizione:

  •  Sala conferenze;
  • Sala multimediale: computer, proiettore, ecc;
  • Catalogo digitale del materiale presente nella biblioteca;
  • Personale del Centro che farà da guida ai visitatori;
  • Specialisti in antropologia culturale e in tradizioni popolari che tengono regolarmente seminari aperti ai visitatori e agli studiosi interessati che ne facciano richiesta.