20 – Tour Of The Lakes

Sources: Wikipedia, Google Maps

From Cocullo, a short drive will take you to Abruzzo’s loveliest lakes and their environs…

 

The Lake of San Domenico is located near the hermitage di San Domenico (a church built next to the cave where San Domenico lived for several years). It is in the territory of Villalago, in the province of L’Aquila. The lake was created in 1929, when a dam was built to generate hydro-electricity and enable the state railways to electrify the Roma-Sulmona line. The waters of this lake are directed along a 6-km course, mostly through channels excavated in the rock, and are used to power the Sagittario generating station, just under Anversa degli Abruzzi. The lake is fed chiefly by the waters of the Sagittario River, which flows out from the dam, and to a very limited extent by the waterfall at the end of the Sega Spring and by the Prato Cardoso stream, which flows largely underground and discharges the runoff from rain and snow.

 

The Lake of Scanno, three quarters of which is actually in Villalago territory, is located in the valley of the Sagittario River. It was formed when a landslide on Mount Genzana blocked off the Tasso River between 12,820 and 3,000 years ago.

 

The Lake of Salto is the largest artificial lake in the Lazio Region. It is located in the province of Rieti, and was created in 1940 by the construction of a dam on the Salto River that flooded the deep valley by the same name in the Cicolano area. Its waters are connected to those of the Lago del Turano by a 9-km long artificial channel excavated under Mount Navegna (1508 m). The two artificial lakes power the Cotilia generating station, built in 1942 to provide electricity for the Rieti area.

 

The Sinizzo Lake is a small, volcanic lake located just outside the town of San Demetrio ne’ Vestini, in the province of L’Aquila. It is named after one of the two springs that empty into it. The lake is round, with a diameter of 120 m and a maximum depth of 35 m. It is a popular weekend destination for locals and tourists, who come here to bathe, camp on its grassy and forested shores, and fish for trout, pike, carp and chub. The disastrous 2009 earthquake severely damaged the lakeshore, causing large crevices that raised concerns about the very survival of the lake, but shoreline restoration work made it possible to save it.

 

The Lake of Barrea is an artificial lake located in the province of L’Aquila. It was created in 1951 by the damming of the Sangro River near the Barrea ravine. The village of Civitella Alfedena and the town of Villetta Barrea overlook the lake. The Lago di Barrea wetlands, which in 1976 were added to the list of areas protected under the Ramsar Convention, correspond to the portions of the lake located inside the Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, in the Comunità Montana Alto Sangro e Altopiano delle Cinquemiglia. The wetlands are administered and managed by the park authority, headquartered in Pescasseroli (AQ).

 

The Lake of Turano is an artificial lake located at one end of the Rieti Plain, in the Lazio Region, at an elevation of 536 m. It was created by the construction in 1939 of a hydro-electric dam on the Turano River, near the villages of Posticciola and Stipes. It is about 10 km long, with a shoreline measuring about 36 km. A 9-km-long tunnel connects it to the Lago del Salto, with which it powers the generating station in Cotilia. The lake lies at the base of Mount Navegna (1508m) and the forested nature reserve of the same name, and is overlooked by ancient towns and castles.

 

The Lago di Serranella was created in 1990 at the junction of the Sangro and Aventino rivers, in territory administered by the towns of Casoli, Altino and Sant’Eusanio del Sangro, in Chieti province. It constitutes a controlled and protected nature reserve of about 300 hectares, one of the largest in Abruzzo.

 

The Lake of Penne is an artificial basin created in the late sixties by the construction of the Penne dam on the Tavo River. It is located near the town of Penne, just downstream from the place where the Gallero Stream flows into the Tavo River. In 1987 the lake was turned into a nature reserve, the Riserva Naturale Controllata Lago di Penne.

 

The Sant’Angelo Lake, also called the Lago di Casoli, is an artificial basin created in 1958 by the damming of the Aventino River to power the Acea generating station at Selva d’Altino. It is in territory administered by the town of Casoli, in the province of Chieti, near the border with the towns of Gessopalena and Civitella Messer Raimondo. Despite being an artificial lake, it has become a thriving habitat for flora (cattails) and fauna (great crested grebes, kingfishers, mallards, bandicoots, moorhens, dippers, wagtails, herons, storks and cormorants). The lake is surrounded by a large oak wood (the Lecceta di Casoli e bosco di Colle Foreste), is overlooked by the Prata tower (the Torretta), and affords a splendid view of the western side of the Majella massif.

 

The Lake of Provvidenza is an artificial lake that follows the SS 80 (Strada statale 80 del Gran Sasso d’Italia). It was created by damming the Vomano River with a dam 52.2 m high. The lake serves as an intermediary basin that collects the waters from the Provvidenza power station and directs them to the San Giacomo power station. Water from the lake can also be pumped uphill from these two power stations to ensure an adequate supply of water in times of especially high electricity demand: the waters of the Piaganini Basin are returned to the lake through the San Giacomo power station, and the waters of the lake are returned to the Lago di Campotosto through the Provvidenza power station.

 

The Lake of Campotosto is the largest artificial lake in Abruzzo. It is located entirely in the province of L’Aquila, between the towns of Campotosto and Capitignano and the city of L’Aquila, at an elevation of 1,313 m. It has a surface area of 1,400 ha and a maximum depth of 30-35 m. It is part of the 1600-ha Riserva naturale del Lago di Campotosto, established in 1984 to protect the natural environment, and the Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

 

The Lake of Bomba is an artificial lake created on the Sangro River by the construction of a compressed earth dam in the territory of the town of Bomba for the purpose of generating electricity for Rome. The lake is 7 km long, with an average width of 1.5 km and a maximum depth of 57.50 m. It can hold up to 4,000,000 m³ of water.

20 – Tour Dei Laghi

Fonti: Wikipedia, Google Maps

Vediamo come, soggiornando a Cocullo, è possibile raggiungere i più bei laghi d’Abruzzo e dintorni!

 

Il lago di San Domenico è sito presso l’eremo di San Domenico, nel comune di Villalago, in provincia dell’Aquila. Prende origine da una diga completata nel 1929 per conto delle Ferrovie dello Stato per convertire la linea Roma-Sulmona alla trazione elettrica. Le acque del lago, mediante una condotta forzata lunga 6 chilometri, prevalentemente scavata nella roccia, alimentano la centrale idroelettrica del Sagittario, situata a valle di Anversa. L’affluente principale è il Sagittario, che è anche l’unico fiume che sgorga dalla diga; il lago è pure dotato di affluenti di infima importanza come le cascatelle della sorgente Sega ed il fiumiciattolo di Prato Cardoso che si immette carsicamente nel lago; quest’ultimo è un corso d’acqua occasionale spesso a regime torrentizio creato dalle piogge o dallo scioglimento delle nevi.

 

Il lago di Scanno, appartenente per tre quarti al comune di Villalago e per un quarto a quello di Scanno, si trova in Abruzzo, nell’alta valle del fiume Sagittario, originatosi per una frana staccatasi dal monte Genzana, tra 12.820 e 3.000 anni fa, che ha sbarrato il fiume Tasso.

 

Il Lago del Salto è il più grande lago artificiale del Lazio. Si trova in Provincia di Rieti ed è stato creato nel 1940 dallo sbarramento del fiume Salto e la conseguente sommersione dell’omonima profonda Valle nel Cicolano. Le sue acque sono condivise con quelle del vicino lago del Turano, altro bacino idroelettrico, mediante un canale artificiale lungo circa 9 km sotto la giogaia del Monte Navegna (1508 m s.l.m.). I due bacini artificiali del Salto e del Turano alimentano la centrale idroelettrica di Cotilia, costruita nel 1942 per servire le valli reatine.

 

Il lago Sinizzo è un piccolo lago sito in Abruzzo, in provincia dell’Aquila, all’interno del territorio del comune di San Demetrio ne’ Vestini, poco fuori l’abitato del paese. Meta frequente di villeggianti aquilani e turisti nei week-end, grazie all’ambiente ameno circondato da rive erbose, boschi e salici e attrezzato al bivacco, il lago, di origine vulcanica e forma circolare, con diametro di circa 120 m e profondità massima di 35 m, alimentato da due sorgenti di acqua potabile (una di queste dà il nome al lago) e balneabile, ha subito gli effetti del rovinoso terremoto dell’Aquila del 2009 riportando danni alle sponde con formazione di vistose crepe al punto da far temere per la sua sparizione, poi rientrata grazie a lavori di riconsolidamento terminati con successo. Il lago offre anche possibilità di pesca di trote, lucci, carpe e cavedani.

 

Il lago di Barrea è un lago artificiale situato in provincia dell’Aquila. Sul lago, ricavato nel 1951 dallo sbarramento del fiume Sangro presso la forra di Barrea, si affacciano anche i comuni di Civitella Alfedena e Villetta Barrea. La zona umida del Lago di Barrea, individuata ed inserita dal 1976 nella lista delle aree previste dalla convenzione di Ramsar, interessa il territorio del lago di Barrea, situato all’interno del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, nella comunità montana Alto Sangro e altopiano delle Cinquemiglia. Ne ha la gestione e la competenza l’ente autonomo Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, con sede a Pescasseroli (AQ).

 

Il Lago del Turano è un lago creato artificialmente ai margini della conca Reatina, nel Lazio. A 536 m sul livello del mare, il Lago del Turano è un grande bacino idroelettrico realizzato sul fiume omonimo con una diga eretta nel 1939 nel pressi dell’abitato di Posticciola e di Stipes. Lungo una decina di chilometri e con un perimetro di circa 36 km, è collegato al Lago del Salto da una galleria lunga 9 km e insieme a questo alimenta la centrale idroelettrica di Cotilia. Si distende al piedi del Monte Navegna (1506 m), una riserva naturale coperta di boschi, ed è caratterizzato dalla presenza sulle sue rive di antichi paesi e castelli che si specchiano nelle limpide acque.

 

Nasce nel 1990, nel territorio del comuni chietini di Casoli, Altino e Sant’Eusanio del Sangro, alla confluenza tra i fiumi Sangro e Aventino, creando una riserva naturale controllata e protetta (estensione di circa 300 ettari) tra le più importanti dell’Abruzzo.

 

Il lago di Penne è un bacino artificiale creato dallo sbarramento del fiume Tavo con la diga di Penne, la cui costruzione è iniziata nella seconda metà degli anni sessanta. È situato nei pressi dell’abitato di Penne, immediatamente a valle della confluenza del torrente Gallero nel Tavo. Nel 1987 è stata istituita la Riserva naturale controllata Lago di Penne.

 

Il lago Sant’Angelo, detto anche di Casoli, è un bacino artificiale formato nel 1958 dallo sbarramento del fiume Aventino per l’alimentazione della centrale elettrica Acea di Selva d’Altino. Si trova nel comune di Casoli, in provincia di Chieti, in prossimità del confine con i territori dei comuni di Gessopalena e Civitella Messer Raimondo. Pur essendo di origine artificiale, oggi costituisce un habitat interessante per la flora (tifa minore) e la fauna (svasso maggiore, martin pescatore, germano reale, folaga, gallinella d’acqua, merlo acquaiolo, ballerina gialla, airone, cicogna e cormorano). La sua posizione risulta molto suggestiva circondato com’è da un’ampia lecceta (il sito di importanza comunitaria Lecceta di Casoli e bosco di Colle Foreste), dominato dalla torre di Prata (la cosiddetta Torretta) e con lo scenario maestoso del versante orientale della Majella.

 

Il lago di Provvidenza è un lago artificiale che si trova lungo la Strada statale 80 del Gran Sasso d’Italia, realizzato sbarrando il corso del fiume Vomano con una diga alta 52,2 m. Il lago viene utilizzato come bacino di modulazione, che raccoglie le acque della Centrale idroelettrica di Provvidenza per alimentare la successiva Centrale idroelettrica di San Giacomo. Inoltre, il lago permette il pompaggio dell’acqua verso monte da queste due centrali per garantire la presenza di acqua nei momento di maggiore fabbisogno di elettricità, rimandando le proprie verso il Lago di Campotosto tramite la Centrale di Provvidenza e ricevendo le acque del Bacino di Piaganini tramite la Centrale di San Giacomo.

 

Il lago di Campotosto è il più grande lago artificiale d’Abruzzo. Situato interamente in provincia dell’Aquila, tra i comuni di Campotosto (da cui prende il nome), Capitignano e L’Aquila, ad un’altitudine di 1.313 m s.l.m., presenta una superficie di 1400 ettari e raggiunge una profondità massima di 30-35 metri. Il lago fa parte della riserva naturale statale omonima, istituita su una superficie di 1.600 ettari nel 1984 a tutela dell’ambiente naturale e del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

 

Il Lago di Bomba è un lago artificiale creato sul fiume Sangro da una diga in terra battuta posta sul territorio del Comune di Bomba. La diga produce energia elettrica per Roma.
Il lago è lungo 7 km con una larghezza media di 1,5 km, una profondità massima di 57,50 metri ed una capienza massima di 4.000.000 m³ d’acqua.

19 – Coastal Communities

Sources: Wikipedia, Google Maps

From Cocullo, a short drive will take you to Abruzzo’s most beautiful seaside resorts…

 

Pescara has one of the main tourist ports on the Adriatic Sea, and until two years ago had a ferry link to Croatia. The city has had an air transportation service since 1933, when the airline company Società Aerea Mediterranea began offering weekly passenger flights between Pescara and Rome. Pescara also has flights to the Abruzzo Airport, which provides low-cost and charter flights to many European cities. Despite the efficient transportation network, tourism contributes little to the local economy.

 

Montesilvano is a city in the province of Pescara with a population of 53,510. It is situated immediately north of the city of Pescara, with which it forms a continuous built-up area. Montesilvano consists of two communities: Montesilvano Colle, the upper town, where the historic centre is located and where the remains of medieval buildings can be seen; and Montesilvano Marina (or Montesilvano Spiaggia, formerly Contrada Marina), the more modern and densely populated beachside town, where the municipal offices are located.

 

Silvi is a city in the province of Teramo with a population of 15,604. Its administrative seat is in Silvi Marina, the lower town.  The town’s historic centre is in the upper town, 4 km from Silvi Marina. Silvi has been called “the pearl of the Adriatic” because of its unique beauty, which sets it apart from other towns on the Adriatic coast. In Roman times, it was known as Matrinum or Silva, and in the Middle Ages as Castel Belfiore or Castrum Silvi. Until 1931, it was administered by the nearby town of Atri, as was neighbouring Pineto. Situated below the hillside towns of Città Sant’Angelo and Atri, it is a popular seaside resort, with six kilometers of beaches (extending from the Cerrano tower to the Piomba River), and many hotels, campgrounds and bathing facilities. Because of the cleanliness of its beaches and water, the city has received a “blue flag” certification from the Danish-based Foundation for Environmental Education (FEE). It can be reached by railway and motorway (the nearest A14 exits are those of Atri-Pineto and Pescara Nord­-Città Sant’Angelo), and is crossed by many water courses: the Piomba River (45 km), the Torrente (or Fosso) del Gallo (14 km), the Torrente Cerrano (10 km), the Fosso Concio (5,5 km) and the Fosso Marinelli San Silvestro (6.5 km).

 

Francavilla al Mare is a city in the province of Chieti with a population of 25,371, the 11th largest in Abruzzo. It is about 20 km from the provincial capital, Chieti, and 115 km from the regional capital, L’Aquila. A major seaside resort, Francavilla al Mare has a long and layered history, as attested by archaeological findings dating from the prehistoric, protohistoric, Italic, Frentano and Roman periods. It was a port city as early as 1281, and from 1307 it was the site of an important commercial fair. The town is part of an uninterrupted urban development with a population of about 400,000 that covers about 1,000 square kilometres and encompasses 40 towns and villages in two provinces. Francavilla al Mare is located on a low hillside that slopes gently toward the Adriatic Sea. In the upper town are several lookouts with splendid views of the town and the coastline. In 2014 the town received a “blue flag” certification from the FEE.

 

Pineto is a city in the province of Teramo with a population of 14,802. It too is a major seaside resort known for the cleanliness of its waters. It has received several “blue flag” certifications.

 

Ortona , formerly known also as Ortona a Mare, is a city in the province of Chieti with a population of 23,610. It is located on a cliff overlooking the Adriatic Sea, about 30 km east of the city of Chieti and 22 km south of Pescara. It received “blue flag” certifications in 2010, 2011, 2012 and 2013. It has the largest and busiest port in the Region, and is known for its wine production.

 

Roseto degli Abruzzi is a city in the province of Teramo with a population of 25,505. It is located on the Adriatic coast, just north of the Vomano River and south of the Tordino River.  The lower town is a well-equipped and popular seaside resort, and its beach has been called the “Lido delle Rose”, or “beach of roses”. It has had “blue flag” certifications since 1999.

 

Giulianova is a city in the province of Teramo with a population of 24,088—the third largest in the province and the 12th largest in the Region. Its territory is among the smallest. The city has ancient origins, has strong commercial and tourist sectors, and is one of the most popular seaside destinations on the mid-Adriatic. It has received the “blue flag” certification often since 2000.

 

Tortoreto forms a continuous urban area with the adjacent city of Alba Adriatica, and extends south toward the mouth of the Salinello River. It has been a popular seaside destination since the last century, when the town expanded toward the coast from the hillside community of Tortoreto Alto.

 

Alba Adriatica is a city in the province of Teramo with a population of 12,386. It is one of the province’s seven seaside resort communities and has received the “blue flag” certification 13 times. It is also referred to as Spiaggia d’Argento (silver beach) for the beauty of its extensive shoreline, which is more than three kilometers long, and is one of the most popular seaside resorts on the Abruzzo coast.

 

Martinsicuro is a town in the province of Teramo with a population of 16,170. Located just south of the mouth of the Tronto River, it is the northernmost town in Abruzzo and the Region’s first seaside town that one encounters coming from the north.

 

Vasto is at the southern end of the Abruzzo coastline. It has received a “blue flag” certification eleven times, seven of them consecutively. Tourism is Vasto’s main economic activity: about 320,000 visitors come here every summer. Its attractions include Aqualand, the largest water park in south-central Italy, and the Baja Village discotheque, considered the most popular night spot in the entire area.

19 – Località Balneari

Fonti: Wikipedia, Google Maps

Vediamo come, da Cocullo, è possibile raggiungere le più belle località balneari d’Abruzzo!

 

Pescara ospita uno tra i più importanti porti turistici del Mar Adriatico, fino a due anni fa collegato con la Croazia. La città ha rivestito una certa importanza nel settore del trasporto aereo fin dagli anni trenta: nel 1933, con la Società Aerea Mediterranea, venne inaugurato il primo volo passeggeri settimanale fra Pescara e Roma; Pescara inoltre è collegata con l’Aeroporto d’Abruzzo che grazie ai voli low cost e charter fornisce buoni collegamenti con molte città europee; nonostante i buoni collegamenti il turismo è del tutto marginale nell’economia locale.

 

Montesilvano è un comune italiano di 53.510 abitanti della provincia di Pescara, in Abruzzo. Situata a nord di Pescara, con cui confina e forma un unico agglomerato urbano, è divisa in Montesilvano Colle, il vecchio centro in cui sono ancora presenti resti degli antichi edifici medievali (amministrativamente, una frazione), e Montesilvano Marina (o Montesilvano Spiaggia), già Contrada Marina, la parte più popolosa e moderna, sede del Comune.

 

Silvi è un comune italiano di 15.604 abitanti della provincia di Teramo in Abruzzo, Bandiera Blu d’Europa. Sede del comune è la frazione di Silvi Marina. Silvi è definita “la perla dell’Adriatico” per la sua unicità, che la contraddistingue dalle altre località situate sulla costa Adriatica. Anticamente Silvi veniva chiamata Matrinum o Silva (età Romana) e Castel Belfiore o Castrum Silvi (nel medioevo). Silvi fino al 1931 apparteneva al confinante Comune di Atri, come il comune limitrofo di Pineto. Situata ai piedi delle suggestive colline di Città Sant’Angelo ed Atri, Silvi è una stazione balneare, con un arenile lungo 6 km dalla torre di Cerrano al Fiume Piomba. Attrezzata con alberghi, campeggi e stabilimenti balneari, dispone inoltre di una stazione ferroviaria. I caselli della A14 più vicini sono quelli di Atri-Pineto e di Pescara Nord-Città Sant’Angelo. Il centro storico si trova sulla parte collinare, a 4 km da Silvi Marina, ad una altitudine di 242 m s.l.m. Silvi è attraversata da numerosi corsi d’acqua: fiume Piomba (45 km), Torrente o Fosso del gallo (14 km), Torrente Cerrano (10 km), fosso Concio (5,5 km), fosso Marinelli San Silvestro (6.5 km).

 

Francavilla al Mare è un comune italiano di 25.371 abitanti della provincia di Chieti. Undicesimo comune d’Abruzzo per numero di abitanti ed importante stazione balneare, dista a circa 20 km dal Capoluogo di Provincia e 115 km dal Capoluogo di Regione. La città ha un ricco passato, come testimoniano i ritrovamenti archeologici risalenti al periodo preistorico e protostorico, italico, frentano e romano; inoltre fu, dal 1281, sede di un porto e dal 1307 di una importante fiera. Il territorio comunale è all’interno di una conurbazione urbana caratterizzata dalla presenza di 400.000 abitanti su un territorio di 1.000 chilometri quadrati, distribuiti in quaranta comuni e due province. Francavilla al Mare si estende su un territorio basso collinare che digrada dolcemente verso il Mare Adriatico. Questa particolare conformazione territoriale le regala diversi punti panoramici, comunemente chiamati belvedere, da cui poter ammirare la cittadina e la costa. Nel 2014 la città venne premiata con la Bandiera blu.

 

Pineto è un comune italiano di 14.802 abitanti della provincia di Teramo, in Abruzzo. Nota stazione balneare per la qualità delle sue acque, è stata più volte insignita della Bandiera Blu.

 

Ortona , nel passato conosciuta anche come Ortona a mare, è un comune di 23.610 abitanti della provincia di Chieti, in Abruzzo, situata sopra una falesia del litorale adriatico e posta a circa 30 km ad est di Chieti ed a 22 km a sud di Pescara. Alla città è stata conferita la Bandiera Blu d’Europa negli anni 2010, 2011, 2012 e 2013. Dispone del maggiore porto regionale per bacino, dimensione e movimento. Ortona è anche città del vino.

 

Roseto degli Abruzzi è un comune italiano di 25.505 abitanti della provincia di Teramo, in Abruzzo, affacciato sul mare Adriatico e compreso tra le foci dei fiumi Vomano (a sud) e Tordino (a nord). La città bassa è un’attrezzata e molto frequentata località balneare e il suo litorale è noto anche con la denominazione turistica di Lido delle Rose. Dal 1999 si fregia della Bandiera Blu.

 

Giulianova è un comune italiano di 24.088 abitanti della provincia di Teramo, in Abruzzo. Città storica, possiede una forte vocazione commerciale e turistica, e si colloca fra le più frequentate stazioni balneari del Medio Adriatico. È il dodicesimo comune della regione, per popolazione, terzo della provincia di appartenenza e fra i meno estesi per superficie. Dal 2000 si è quasi sempre fregiata dalla Bandiera Blu.

 

Tortoreto forma un’unica cittadina con la vicina Alba Adriatica e si estende verso sud alla foce del fiume Salinello. È una località balneare molto apprezzata nata nel secolo scorso come estensione turistica di Tortoreto Alto.

 

Alba Adriatica è un comune italiano di 12.386 abitanti della provincia di Teramo, in Abruzzo. È una delle sette sorelle del litorale teramano. Insignita della Bandiera Blu d’Europa (riconoscimento per le località di mare più pulite) per ben 13 volte. È soprannominata e conosciuta anche come la Spiaggia d’Argento per la bellezza del suo litorale; nella Guida Blu di Legambiente è segnalata con due vele. Alba Adriatica è reputata una delle più rinomate località balneari della costa abruzzese, con un ampio litorale sabbioso (lungo oltre 3 km) molto frequentato.

 

 

L’elemento maggiormente significativo dell’economia locale è il turismo, con la presenza di 320 000 visitatori ogni estate. Il mare di Vasto ha ottenuto per undici volte il titolo di Bandiera Blu d’Europa, di cui sette consecutive. Inoltre, è presente l’Aqualand del Vasto, il più grande parco acquatico del Centro-Sud d’Italia, assieme alla discoteca Baja Village, considerata la discoteca più importante dell’omonima zona geografica.