12 – L’Aquila (eng)

Duomo square

L’Aquila (Aquila until 1863, and Aquila degli Abruzzi until 1939) is a city with a population of 70,221; it is the capital of the province of the same name, as well as the capital of the Abruzzo Region.

The city’s population swells to 100,000 daily, owing to the presence of large numbers of students, service industry workers, commuters and tourists. The city boasts a university, and many agencies and associations that make for a lively cultural life.

downtown

L’Aquila is situated in the heartland of Abruzzo and administers a territory covering 467 km², the ninth largest in Italy. Given the vastness of this territory and the fact that it is in a mountainous area, the city’s infrastructure and services are spread out, complex and challenging to administer. L’Aquila has more than ten cemeteries, several water purification plants, dozens of schools, nearly 3,000 km of roads, and thousands of kilometres of utility lines. It is divided into 12 districts, comprising in total 59 neighbourhoods and boroughs. Part of its territory is located in the Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, some of it at elevations of more than 2,000 m.

The city has had an asteroid named after it: 7499 L’Aquila.

western suburbs

L’Aquila sits in a shallow basin just north of the Aterno River, surrounded by hills and with a spectacular view of the Gran Sasso d’Italia massif. It is situated at 721 m above sea level, and this makes it the third highest provincial capital in Italy, after Enna and Potenza.

The city’s historic centre is located on a hill that rises approximately in the middle of the basin. Many communities (such as Aragno, Roio, Pianola, Bagno, San Giacomo and Collebrincioni) are scattered on the slopes and hilltops around the city. In the postwar period, the city expanded chiefly on the west side, which is more low-lying, and today it is spread out in irregular fashion along the east-west axis, following the course of the river.

Collemaggio – basilica and park

The city’s vast territory encompasses many villages and agglomerations, and some large towns that were formerly independent municipalities, such as Paganica. It even has an exclave in the mountains, on the border with the Parco Regionale Naturale del Sirente – Velino and the Riserva Naturale Montagne della Duchessa.

arcades

The number 99: Legend has it that the inhabitants of 100 Abruzzo castles came together to found the city of L’Aquila. Each castle had to provide the city with a square, a church and a fountain, for a total of 100 squares, 100 churches and 100 fountains. At the last minute, one castle backed out, so the city came to have 99 squares, 99 churches and 99 fountains.

the Spanish Fort

In reality, the founding communities were far fewer than 99, and many of them were villages with a few dozen inhabitants that survived only a few decades and were in no position to build anything in L’Aquila.

the Fountain of 99 Spouts

About 20 km from L’Aquila, in the middle of the Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, more specifically in Campo Imperatore, at an elevation of 2,200 m, is a major sports, tourist and scientific facility of considerable historical significance. It is most famous for being the site of the Campo Imperatore Hotel, where Benito Mussolini was brought on July 26, 1943 and imprisoned for 48 days. The rooms in which he was held captive are open to visitors. Nearby are many ski resorts, including those at Campo Felice, Ovindoli (in the Parco Regionale Naturale del Sirente – Velino), and Roccaraso (in the Alto Sangro area).

Gran Sasso and Pietranzoni lake

 

Monuments and attractions:

the basilica of San Bernardino
  • The basilica of San Bernardino, built after the saint’s death in 1444 to house his remains. It has a superb Renaissance façade designed by Cola dell’Amatrice. The interior, rebuilt in the Baroque style after the 1703 earthquake, houses the San Bernardino mausoleum and the Camponeschi family mausoleum. The basilica, which is reached by climbing a massive staircase, is located near Corso Vittorio Emanuele II.
  • The basilica of Santa Maria di Collemaggio, a church in the Romanesque style built in 1288 at the request of Pietro da Morrone, who became Pope Celestine V. It was the site of papal investitures and hosts an annual jubilee.
basilica of Collemaggio
  • The cathedral of San Massimo, L’Aquila’s main church
  • The church of San Domenico
  • The church of Santa Giusta
  • The church of Santa Maria del Suffragio (1713), also known as the church of the Anime Sante, or Blessed Souls
the Church of Blessed Souls
  • The church of Santa Maria Paganica
  • The church of San Pietro a Coppito
the church of San Pietro a Coppito
  • The church of San Silvestro
  • The sanctuary of the Madonna d’Appari
  • The church of Santa Maria del Carmine
  • The Emiciclo building (houses the offices of the regional council)
emiciclo
  • The Carli Benedetti building
  • The Pica Alfieri building
the Pica Alfieri building
  • The Centi building
the Centi building
  • The Fontana delle 99 Cannelle (the Fountain of 99 Spouts, built in 1272)
the Fountain of 99 Spouts
  • The Fontana Luminosa (an illuminated fountain)
Fontana Luminosa
iced Fontana Luminosa
  • Costa Masciarelli, the medieval quarter. It is located on the steepest slope of the historic centre, which extends from Piazza Duomo to Collemaggio. It features medieval residences, ancient doorways, flights of stairs, and spectacular views; it is one of the most beautiful and fascinating parts of the city.
Costa Masciarelli
  • Corso Vittorio Emanuele II, the city’s main thoroughfare, which extends from the Fontana Luminosa to Piazza Duomo, where it joins Viale Crispi. Long stretches of the Corso are lined with arcades, making it a popular destination for strolling and shopping.
corso Vittorio Emanuele II
  • Piazza Duomo, the largest square in the city. The Cathedral and the Bishopric are located here, as well as some of the city’s most interesting architectural landmarks. The city market has been held in this square since 1303.
Duomo square
  • Piazza Palazzo, a tree-lined square on Corso Umberto I. At its centre is a statue of the ancient Roman historian The Palazzo Margherita (the city hall) is located here, as is the Palazzo della Provincia (headquarters of the provincial government), which also houses the Salvatore Tommasi provincial library.
Palazzo square
  • The city walls. The walls were built in 1276, barely 20 years after the second founding of the city, and they encircle the entire historic centre. They were repaired and restored at various times over the centuries; gates were added (originally there were twelve), portions of the walls were moved to make room for the 16th century Spanish Fort and other parts were demolished.
the city walls
the city walls
the city walls
  • The Spanish Fort, a massive fortress located in the northern part of the city next to the walls. It was built by the Spanish as a symbol of their dominion over the local population. It is a square structure with four enormous ramparts in the corners. The Museo Nazionale d’Abruzzo is located here.
the Spanish Fort

 

Tourist sights:

Amiternum, Roman amphitheatre
Amiternum, Roman theatre
  • City parks: Parco del Sole; Parco del Castello, which is designed around the Spanish Fort, includes a playground, and is flooded in winter to be used a skating rink; and Piazza D’Armi, which includes a track and other sports facilities.
Gran Sasso – L’Aquila side
Gran Sasso mountain chain
Gran Sasso – the two summits
Gran Sasso – view from Cefalone peak
Gran Sasso – north face
lake Campotosto
frozen lake Campotosto
caves of Stiffe
caves of Stiffe
  • The Roio pine forest
  • The San Giuliano pine forest
Campo Imperatore
Campo Imperatore – astronomical observatory
Campo Imperatore in summer
Campo Felice
Campo Felice
Campo Felice in spring

 

Culture and education:

Elephas Meridionalis, mammut – National Museum of Abruzzo
the Spanish Fort – National Museum of Abruzzo headquarters
  • The Museo Nazionale D’Abruzzo: The museum, which has the most important art collection in the Abruzzo Region, is housed in the Spanish Fort; it occupies 41 rooms on three floors, as well as the courtyard.
  • The Casa Museo Signorini Corsi (the museum is located in a house decorated with art and period furnishings).
  • The Museo Archaeologico di Santa Maria dei Raccomandati
  • The Museo Sperimentale d’Arte Contemporanea
  • The Museo di Scienze Naturali e Umane
  • The Museo delle Ceramiche
  • The Università degli Studi dell’Aquila: This is the oldest university in Abruzzo and has an enrolment of 20,000 students (after the earthquake). It offers programs in biotechnology, economics, engineering, letters and philosophy, medicine and surgery, psychology, education, mathematics, physics and natural sciences, and motor sciences. It offers post-graduate studies in mathematical engineering. Research activities are conducted through 18 departments and two centres of excellence: CETEMPS (Centro di Eccellenza per l’integrazione di tecniche di Telerilevamento e Modellistica numerica per la Previsione di eventi Meteorologici Severi – telesensing of environment and model prediction of severe events), and DEWS (Design Methodologies for Embedded controllers, Wireless interconnect and System-on-a-chip). The university includes a language school and a microscopy centre. It manages the Alpine botanical garden in Campo Imperatore and the botanical garden next to the basilica of Santa Maria di Collemaggio. Its sports facilities are located in Centi Colella.
university – school of Engineering
hill of Monteluco di Roio, school of Engineering headquarters
  • The Accademia di Belle Arti, a fine arts institute
  • The Istituto Superiore di Scienze Religiose
  • The Laboratori Nazionali del Gran Sasso: These are the prestigious particle physics laboratories operated by the Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN); they are located underground, 1400 metres beneath the Gran Sasso. The INFN works in close co-operation with scientific centres in Germany, Japan, the United States and Switzerland (the CERN in Geneva).
  • The Scuola Superiore Guglielmo Reiss Romoli, formerly a research and training facility
  • The Accademia dell’Immagine, a media studies school
  • The Istituto per le Tecnologie della Costruzione
  • The Parco Scientifico e Tecnologico d’Abruzzo
National Institute of Nuclear Physics
National Institute of Nuclear Physics
National Institute of Nuclear Physics
National Institute of Nuclear Physics

 

Events and celebrations:

Perdonanza Celestiniana, parade in historical costumes

 

L’Aquila, land of earthquakes:

candlelight vigil for victims of the 2009 earthquake

L’Aquila lies in one of Italy’s most earthquake-prone zones and has been devastated by seismic events numerous times since its founding.

San Bernadino basilica and De Amicis school after the 2009 earthquake

The first recorded earthquake took place on December 13, 1315.

church of Blessed Souls after the 2009 earthquake

A strong earthquake occurred on September 9, 1349. It is estimated to have had a magnitude of 6.5 on the Richter scale and an intensity of X (Extreme) on the Mercalli scale. It damaged and brought down large portions of the city walls and destroyed numerous dwellings and churches. There were 800 fatalities, and since the city had fewer than 10,000 inhabitants at the time, this represented almost 10% of the population. The earthquake released a large amount of dust that lingered over the city, making it difficult to quickly rescue those who were trapped under the rubble. Reconstruction was difficult and laborious, and many of the inhabitants decided to abandon the city and return to their ancestral villages and castles. Faced with a large-scale exodus of the population and the possibility that the city would become deserted, Count Pietro Camponeschi, who was the city’s administrator, placed guards along the city walls and had its breaches boarded up.

church of Santa Maria Paganica before and after 2009 earthquake

In the 18th century, L’Aquila was hit by a seismic swarm culminating in a powerful earthquake that once again flattened the city. The first in the long series of tremors occurred on October 14, 1702, but the most violent shock took place on February 2, 1703; it is estimated to have had a magnitude of 6.7 on the Richter scale and an intensity of X on the Mercalli scale. Nearly all the churches, including those of San Berardino, San Filippo, San Massimo, San Francesco and Sant’Agostino, were either destroyed or heavily damaged, as were all of the city’s public buildings. More than 6,000 people are believed to have perished in that year’s earthquakes.

provincial government headquarters after the 2009 earthquake

On April 6, 2009, at 3:32 a.m., after a series of light tremors that took place over several months in the area, L’Aquila was struck by an earthquake with a magnitude of 6.3 Mw (5.9 on the Richter scale) and an intensity between VIII and IX on the Mercalli scale. Three hundred and nine people were killed, 1,500 were injured, and 65,000 had to be evacuated. Strong tremors continued to be felt in the days that followed: one with a magnitude of 5.6 Mw on April 7, 2009, one with a magnitude of 5.4 Mw on April 9, 2009, and one with a magnitude of 5.2 Mw on April 9, 2009. The force of the earthquake was felt in the city and in many nearby communities, including Onna, Roio (the epicentre), Villa Sant’Angelo, Castelnuovo, Tempera, San Gregorio and Paganica. Parts of the city were flattened, and most buildings of historic and cultural value suffered enormous damage. The main churches were either seriously damaged or destroyed. Particularly striking was the fact that many public buildings, old and new, were not able to withstand the shocks and suffered irreparable damage. They included the engineering hub (a modern structure), the government building, the student residence on via XX settembre, the San Salvatore hospital, and many elegant residences from the 18th and 19th centuries.

Duomo square before the 2009 earthquake
Duomo square – january 2018

Artisti Uniti Per L’AbruzzoDomani 21/04.2009 This is a cover of the song Domani, written and sung by Mauro Pagani and included in his album of the same name released in 2003. In 2009, the song was given a new title and recorded by 56 of Italy’s most popular pop and rap artists (including the author), all of whom worked for free. The supergroup called itself Artisti uniti per l’Abruzzo, in reference to the earthquake that devastated L’Aquila in 2009. The song was released as a single and all the proceeds of its sales were donated to the art preservation campaign Salviamo l’arte in Abruzzo. The main promoters of the project were the singers Mauro Pagani, Jovanotti, and Giuliano Sangiorgi of the rock band Negramaro.

12 – L’Aquila (ita)

piazza Duomo

L’Aquila (precedentemente Aquila fino al 1863 e Aquila degli Abruzzi fino al 1939) è un comune italiano di 70.221 abitanti capoluogo dell’omonima Provincia e della Regione Abruzzo.

Situata sul declivio di un colle, alla sinistra del fiume Aterno in posizione predominante rispetto al massiccio del Gran Sasso d’Italia, conta una presenza giornaliera sul territorio di oltre 100.000 persone per studio, attività terziarie, lavoro e turismo. La città è sede di Università e di enti ed associazioni che la rendono vivace sotto il profilo culturale.

centro

L’Aquila è posta nell’entroterra abruzzese e possiede una superficie comunale di 467 km² che, su scala nazionale, la pone al nono posto per ampiezza. Proprio a causa dell’estensione del territorio sparso su una zona montuosa interna, L’Aquila dispone di una rete infrastrutturale e di servizi ardua e di amministrazione molto complessa: conta infatti più di dieci cimiteri, diversi depuratori, decine di complessi scolastici, quasi 3.000 km di strade e molte migliaia di chilometri di reti impiantistiche. È divisa in 59 tra quartieri e frazioni. Parte del territorio comunale è compresa nel Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, ed alcuni punti superano abbondantemente i 2.000 metri di quota.

Alla città è stato dedicato un asteroide, 7499 L’Aquila.

periferia occidentale

L’Aquila è situata nell’omonima conca sulle sponde del fiume Aterno, ad un’altitudine di 721 metri sul livello del mare che la rende terza tra i capoluoghi di provincia italiani più alti, dopo Enna e Potenza.

Il centro storico sorge su di un altipiano in posizione pressoché baricentrica rispetto alla conca; numerose sono le frazioni situate sul declivio o sulla sommità dei colli circostanti, tra cui è bene ricordare Aragno, Roio, Pianola, Bagno, San Giacomo e Collebrincioni. Nel dopoguerra, l’espansione urbanistica si è concentrata nella periferia occidentale della città, a carattere pianeggiante, e ad oggi, il tessuto urbano si estende in maniera disomogenea lungo la direttrice est-ovest, parallelamente al corso del fiume.

basilica e parco di Collemaggio

Il territorio comunale, suddiviso in 12 circoscrizioni, è uno dei più estesi d’Italia. Nei suoi 467 km² abbraccia numerosi paesi o frazioni e alcuni grandi centri che in passato hanno avuto identità municipale, come Paganica. Il territorio del comune presenta anche un’exclave, in territorio montano, al confine con il parco regionale naturale del Sirente – Velino e la riserva naturale Montagne della Duchessa.

portici

Il numero 99: La leggenda vuole che 100 castelli abruzzesi si riunissero per fondare la città dell’Aquila. Ogni castello doveva fondare in città una piazza, una chiesa e una fontana per un totale così di 100 piazze 100 chiese e 100 fontane ma all’ultimo momento un castello ci ripensò e si tirò indietro. Gli altri 99 castelli, però, decisero di fondare lo stesso la città che così dall’epoca ebbe 99 piazze, 99 chiese e 99 fontane.

Forte Spagnolo

In realtà i castelli che fondarono la città furono molto meno di 99 e molti di essi non erano che semplici villaggi di poche decine di abitanti che scomparvero nel giro di qualche decennio e non furono in grado di fondare alcunché a L’Aquila.

Fontana delle 99 Cannelle

Al centro del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, a circa 20 km dall’Aquila (in località Campo Imperatore, a 2200 sul livello del mare), è situato un importante complesso turistico, sportivo, storico e scientifico. Il complesso è famoso soprattutto per l’Albergo “Campo Imperatore”, rifugio in cui il 26 luglio 1943 fu portato Benito Mussolini che ivi trascorse 48 giorni di prigionia. Ancora oggi sono a disposizione dei visitatori gli alloggi di prigionia del Duce. Numerosi sono gli impianti sciistici del circondario, tra cui ricordiamo Campo Felice, Ovindoli (nel Parco regionale naturale del Sirente – Velino) e Roccaraso (nell’Alto Sangro).

Gran Sasso e laghetto Pietranzoni

 

– Monumenti e luoghi d’interesse –

basilica di San Bernardino
  • basilica di San Bernardino (Costruita alla morte di San Bernardino nel 1444 con l’intento di custodirne le spoglie, presenta una splendida facciata rinascimentale opera di Cola dell’Amatrice. Al suo interno, ricostruito dopo il terremoto del 1703 in stile barocco, sono il Mausoleo Camponeschi e il Mausoleo di San Bernardino. La basilica è posta sulla sommità di una monumentale scalinata, a pochi passi da Corso Vittorio Emanuele II)
  • basilica di Santa Maria di Collemaggio (basilica romanica, costruita per volere di Pietro da Morrone nel 1288, è stata sede di incoronazione papale ed è sede di un giubileo annuale unico nel suo genere)
basilica di Collemaggio
  • cattedrale di San Massimo (duomo dell’Aquila)
  • chiesa di San Domenico
  • chiesa di Santa Giusta
  • chiesa di Santa Maria del Suffragio (o delle Anime Sante, 1713)
chiesa delle Anime Sante
  • chiesa di Santa Maria Paganica
  • chiesa di San Pietro a Coppito
chiesa di San Pietro a Coppito
  • chiesa di San Silvestro
  • santuario della Madonna D’Appari
  • chiesa di Santa Maria del Carmine
  • Emiciclo
emiciclo
  • palazzo Carli Benedetti
  • palazzo Pica Alfieri
palazzo Pica Alfieri
  • palazzo Centi
palazzo Centi
  • Fontana delle 99 Cannelle (1272)
Fontana delle 99 Cannelle
  • Fontana Luminosa
Fontana Luminosa
Fontana Luminosa ghiacciata
  • costa Masciarelli (Vicolo medievale che si sviluppa sul costolone più ripido del centro storico, quello che va da Piazza Duomo a Collemaggio. È caratterizzato da palazzi medievali, antichi portali, scorci e scalinate di assoluto valore artistico che lo rendono uno dei posti più belli ed interessanti della città)
Costa Masciarelli
  • Corso Vittorio Emanuele II (Arteria principale cittadina, attraversa trasversalmente la città dalla Fontana Luminosa fino a Piazza Duomo dove si unisce con Viale Crispi. Affiancata per un lungo tratto da portici, è meta di passeggio e shopping)
corso Vittorio Emanuele II
  • piazza Duomo (la piazza più grande della città, cuore del potere religioso – è sede della Cattedrale e dell’Arcivescovado – ospita dal 1303 il mercato cittadino. Su di essa si affacciano alcune tra le più importanti architetture della città)
piazza Duomo
  • piazza Palazzo (È una piazza alberata posta su Corso Umberto I contenente al centro la statua di Sallustio. Ospita Palazzo Margherita, la sede del Municipio, e il Palazzo della Provincia, sede della Biblioteca Provinciale “Salvatore Tommasi”)
piazza Palazzo
  • antiche mura (Nel 1276, a poco più di vent’anni dalla seconda fondazione della città, venne realizzata la cinta muraria che ancora oggi cinge il centro cittadino. Sono state più volte rimaneggiate e restaurate nel corso dei secoli, con l’aggiunta di porte -quelle originali sono dodici-lo spostamento di alcuni tratti -come nel XVI secolo per far posto al Forte spagnolo- e la demolizione di altri
antiche mura
antiche mura
antiche mura
  • Forte Spagnolo (Enorme fortezza cinta da fossato posta nella parte settentrionale della città, a ridosso delle mura. Costruita dagli spagnoli a simbolo della repressione degli aquilani, è una struttura a pianta quadrata con quattro enormi bastioni agli angoli. È sede del Museo Nazionale d’Abruzzo)
Forte Spagnolo

 

– Località turistiche –

Amiternum, anfiteatro romano
Amiternum, teatro romano
  • parchi cittadini: Parco del Sole, Parco del Castello (parco concepito intorno al Forte spagnolo con all’interno un’area giochi per bambini. Durante l’inverno, all’interno del parco, viene allestita una pista per il pattinaggio sul ghiaccio) e Piazza D’Armi (che comprende anche alcuni impianti sportivi, come la pista d’atletica)
Gran Sasso, versante aquilano
Gran Sasso, la catena montuosa
Gran Sasso, i due corni
Gran Sasso, vista dal Cefalone
Gran Sasso, parete nord
lago di Campotosto
lago di Campotosto gelato
grotte di Stiffe
grotte di Stiffe
  • pineta di Roio
  • pineta di San Giuliano
campo Imperatore
campo Imperatore, osservatorio astronomico
campo Imperatore in estate
Campo Felice
Campo Felice
Campo Felice in primavera

 

– Cultura e università –

Elephas Meridionalis, mammut, Museo Nazionale d’Abruzzo
Forte Spagnolo, sede del Museo Nazionale D’Abruzzo
  • Museo Nazionale D’Abruzzo (è il museo più importante di tutta la regione a livello artistico; è ospitato nelle 41 sale del Castello dell’Aquila, nel cortile, al primo e secondo piano)
  • Casa Museo Signorini-Corsi
  • Museo Archeologico di Santa Maria dei Raccomandati
  • Museo Sperimentale d’Arte Contemporanea
  • Museo di Scienze Naturali e Umane
  • Museo delle Ceramiche
  • Università: L’Aquila è sede di una Università, la più antica d’Abruzzo, e conta oltre ventimila iscritti (dato posteriore al terremoto). Comprende le facoltà di Biotecnologie, Economia, Ingegneria, Lettere e Filosofia, Medicina e Chirurgia, Psicologia, Scienze della Formazione, Scienze Matematiche Fisiche e Naturali e Scienze Motorie. È sede della laurea magistrale di Eccellenza Europea in Ingegneria matematica. L’attività di ricerca viene svolta attraverso 18 dipartimenti e due centri di eccellenza: il CETEMPS (Centro di Eccellenza per l’integrazione di tecniche di Telerilevamento e Modellistica numerica per la Previsione di eventi Meteorologici Severi) ed il DEWS (Design Methodologies for Embedded controllers, Wireless interconnect and System-on-a-chip). L’Università comprende al suo interno anche un centro linguistico e un centro di microscopia; gestisce il Giardino botanico alpino di Campo Imperatore e l’orto botanico adiacente la basilica di Santa Maria di Collemaggio. Gli impianti sportivi dell’Università, gestiti dal Centro Universitario Sportivo (CUS), sono situati in località “Centi Colella”.
università, Ingegneria
collina di Monteluco di Roio, sede della facoltà di Ingegneria
  • Accademia di Belle Arti
  • Istituto Superiore di Scienze Religiose
  • Laboratori Nazionali del Gran Sasso: Di grande rilievo internazionale sono i laboratori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e realizzati sotto il massiccio omonimo con una copertura di roccia di oltre 1400 metri, dove vengono realizzate importanti ricerche nel settore della Fisica delle Particelle. Tra gli esperimenti qui svolti si possono annoverare quelli sui decadimenti rari o quelli sulle particelle di materia oscura provenienti dall’universo. La struttura ha collaborazioni permanenti con centri in Germania, Giappone, Stati Uniti e con il CERN di Ginevra.
  • scuola Superiore Guglielmo Reiss Romoli
  • Accademia dell’immagine
  • Istituto per le tecnologie della costruzione
  • Parco scientifico e tecnologico d’Abruzzo
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

 

– Ricorrenze e manifestazioni –

Perdonanza Celestiniana, sfilata in abiti storici

 

L’Aquila e i terremoti storici:

fiaccolata per vittime sisma del 2009

La città dell’Aquila sorge su uno dei territori ad alta sismicità della penisola italiana e, fin dalla sua fondazione, è stata funestata molte volte da eventi tellurici.

basilica San Bernardino e scuola De Amicis dopo terremoto 2009

Il primo terremoto di cui si abbia notizia risale al 13 dicembre 1315.

chiesa delle Anime Sante dopo il terremoto 2009

Un forte terremoto si verificò il 9 settembre 1349: si stima che abbia avuto un’intensità pari a magnitudo 6,5 della Scala Richter e che abbia prodotto danni valutabili nel X grado della Scala Mercalli. Furono sbrecciati e atterrati ampi tratti delle mura cittadine e crollarono moltissime case e chiese. Le vittime furono ottocento e, poiché all’epoca gli abitanti dell’Aquila erano meno di diecimila, si trattò di quasi il 10% della popolazione. La gran polvere che si alzò gravò sulla città per molto tempo, impedendo il salvataggio repentino di coloro che erano stati travolti dalle macerie. La difficile e laboriosa ricostruzione scoraggiò una parte della popolazione, che preferì tornare ai villaggi e castelli dai quali erano venuti i loro avi. Di fronte all’esodo massiccio della popolazione e alla conseguente prospettiva di veder prematuramente cancellata L’Aquila dalle città del Regno, Camponeschi fece presidiare le mura cittadine e ne fece chiudere con tavoloni di legno le brecce.

chiesa di Santa Maria Paganica prima e dopo il terremoto del 2009

Nel Settecento la città fu interessata da uno sciame sismico, che culminò con un violentissimo terremoto che, ancora una volta, la rase al suolo. La prima scossa della lunga sequenza si verificò il 14 ottobre 1702, ma la maggiore venne registrata il 2 febbraio del 1703 e si stima che abbia avuto una magnitudo 6,7 della Scala Richter causando devastazioni stimate nel X grado nella Scala Mercalli. Quasi tutte le chiese e gli edifici pubblici cittadini crollarono o riportarono gravissimi danni. Si stima che nelle varie scosse che colpirono la città, quell’anno siano morte oltre 6.000 persone. Le chiese di San Bernardino, (rimase in piedi solo il coro, la facciata e le mura laterali), San Filippo, la Cattedrale di San Massimo, San Francesco, Sant’Agostino e tutti i palazzi della città risultarono rasi al suolo oppure pesantemente danneggiati.

palazzo del Governo dopo terremoto 2009

Il 6 aprile 2009, alle ore 3:32, dopo diversi mesi di lievi scosse localizzate e percepite in tutta la zona dell’aquilano, L’Aquila è colpita da un terremoto di magnitudo 6.3 Mw (5.9 Ml secondo la scala della magnitudo locale, nota anche come “Scala Richter”, oramai poco usata) e tra l’8º e il 9º grado di distruzione della Scala Mercalli, con epicentro situato nel territorio di Roio, in località Colle Miruci, a confine con Lucoli. Il bilancio finale è stato di 309 vittime ed oltre 1.500 feriti, mentre la quasi totale evacuazione della città ha portato a 65.000 il numero degli sfollati. Nei giorni successivi al sisma principale altre forti scosse, pur se di intensità minore, hanno colpito l’aquilano: una forte scossa di magnitudo 5.6 MW alle ore 19.47 del 7 aprile 2009, una di magnitudo 5.4 MW alle ore 2:52 del 9 aprile 2009 ed una di 5.2 MW alle ore 21:38 del 9 aprile 2009. Il sisma ha riversato la sua forza sull’abitato e sui paesi limitrofi, tra i quali Onna, Roio, Villa Sant’Angelo, Castelnuovo,Tempera, San Gregorio e Paganica. Il capoluogo stesso presenta crolli anche totali in molte zone e gravissimi danni alla maggior parte degli edifici di valore storico e culturale. Le chiese principali risultano gravemente danneggiate o quasi completamente crollate. Particolare rilevanza ha avuto la mancata resistenza e quindi il danneggiamento talvolta irreversibile della maggioranza degli edifici pubblici, sia antichi che moderni: ad esempio il moderno polo d’Ingegneria, il Palazzo del Governo (sede della Prefettura), la Casa dello studente di via XX settembre, l’ospedale San Salvatore e molti palazzi signorili del Settecento e dell’Ottocento.

piazza Duomo prima del terremoto 2009
piazza Duomo, gennaio 2018

Artisti Uniti Per L’AbruzzoDomani 21/04.2009 è una speciale cover della canzone intitolata Domani, scritta e cantata da Mauro Pagani nel 2003 e contenuta nell’album omonimo pubblicato nello stesso anno. Nel 2009 il brano, ribattezzato con il nuovo titolo, è stato nuovamente inciso e pubblicato su singolo da cinquantasei (incluso lo stesso autore) fra i più popolari cantanti e musicisti della musica leggera e del rap italiani, che hanno dato vita per l’occasione ad un supergruppo battezzato Artisti uniti per l’Abruzzo, in ricordo del terremoto dell’Aquila del 2009, per devolvere interamente i proventi della vendita del disco alla campagna Salviamo l’arte in Abruzzo. I promotori principali del progetto sono stati lo stesso Mauro Pagani, Jovanotti e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro. Tutti gli artisti impegnati nel progetto si sono esibiti a titolo gratuito.

 

11 – Pescara (eng)

Pescara (Pescàre in the local dialect) is a city with a population of 121,472. It is the capital of the province of the same name and has the largest population in Abruzzo. Many regional government offices are located here, as well as four faculties of the Gabriele d’Annunzio University and the Luisa D’Annunzio music school. It has a large port on the Adriatic Sea and the only international airport in the Region.

port

Pescara is situated about 4 m above sea level on the Adriatic coast, and has spread out around the mouth of the Aterno-Pescara River.

Despite its largely modern appearance, the city has ancient origins and a rich cultural history. It is the birthplace of such literary figures as Gabriele D’Annunzio and Ennio Flaiano, and hosts some important cultural events, including the Pescara Jazz Festival (the first of its kind in Italy). The Flaiano Prizes are awarded in Pescara.

The city also has close ties to sport. It hosted the Mediterranean Games in 2009 and the Acerbo Cup car race from 1924 to 1961, and every year it hosts the Trofeo Matteotti bicycle race. It is the birthplace of some well-known sports figures, including the race car driver Jarno Trulli, the football player Mario Pizziolo, and former football players Massimo Oddo and Fabio Grosso.

historic centre – Corso Manthoné

 

Monuments and attractions:

sea bridge
the cathedral of San Cetteo

Because Pescara suffered successive devastations over the centuries and was heavily bombed during World War II, most of its architectural heritage has been lost; nevertheless, the city offers some interesting sights, both ancient and modern:

the basilica of the Madonna dei Sette Dolori
port – trabocchi
  • The cathedral of San Cetteo
  • The church of the Sacro Cuore
  • The basilica of the Madonna dei Sette Dolori
  • The church of the Madonna del Fuoco
  • The church of San Silvestro
  • The Bagno Borbonico, a building used as a prison by the Kingdom of the Two Sicilies and incorporating remnants of the city walls built during the Norman and Byzantine periods
  • The Nave, a ship sculpture by Cascella
  • The ponte del Mare (sea bridge), a suspension bridge reserved for cyclists and pedestrians; with a length of 466 m and a maximum height of 172 m, it is the largest bridge of its kind in Italy and one of the largest in Europe
  • The trabocchi, habitable wooden structures built on stilts in the water and traditionally used for fishing
  • The nature reserves Riserva Regionale Dannunziana and Riserva Statale di Santa Filomena
the church of the Sacro Cuore
Nave di Cascella
nature reserves
trabocchi

 

Celebrations and festivals:

  • Every year, the people involved in Pescara’s fisheries sector celebrate the feast of their patron saint, Saint Andrew the Apostle. The celebration, which had its beginnings in 1867, always takes place in the fishing district, near the port, in homage to fishermen. It has always included a procession that has the distinguishing feature of taking place in the sea.
  • The Feast of the Madonna dei Sette Dolori is a very ancient festival that takes place on the first Sunday in June in the church dedicated to that Madonna.
  • Every year in July since 1994 the city has hosted the Regata dei Gonfaloni, a rowing competition on the Aterno-Pescara River for 8-metre boats with 10 rowers. Every boat represents a city on the Adriatic or in other locations on the Mediterranean.
  • On October 10, Pescara celebrates the feast of its patron saint, San Cetteo.
regata dei Gonfaloni

 

Culture and education:

sea bridge

Università Gabriele d’Annunzio: This university has campuses in both Pescara and Chieti. The Pescara campus has the faculties of architecture, economics, foreign languages and literature, and management sciences.

ICRA Network: ICRA (International Center for Relativistic Astrophisics) is an international organization that promotes astrophysics research; it works in collaboration with the University of Rome (Sapienza), Stanford University, Washington State University, the Space Telescope Institute (in the US), and the Vatican Observatory in Castel Gandolfo. The organization’s offices are housed in the old railway station, in the centre of Pescara. They include an astrophysics centre that co-ordinates and promotes theoretical research and scientific modelling using data obtained from astronomy and astrophysics observatories around the world and in space.

ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche):  This school of industrial design, which has limited enrolment, has campuses in Rome, Florence, Faenza and Urbino. It operates under the aegis of the Higher Art and Music Department of Italy’s Ministry of Education, Universities and Research. The Pescara campus is a satellite of the Rome campus and offers a three-year degree in industrial design.

Conservatorio Luisa D’Annunzio: This music school was established in 1922 through the efforts of a group of Pescara intellectuals working with Francesco Paolo Michetti, who named it Corporazione musicale Luisa D’Annunzio in honour of Gabriele D’Annunzio’s mother. In 1935 the institution became a secondary school, and in 1969, a conservatory of music.

D’Annunzio tower

Museums:

  • Casa Natale di Gabriele D’Annunzio: This is the house where the Italian poet and playwright Gabriele D’Annunzio was born. The building, which dates from the 1700s and was purchased by the D’Annunzio family in the 1800s, was designated a national monument in 1927. It was redesigned as a museum by the architect Giancarlo Maroni, a friend of D’Annunzio. The museum occupies the first floor of the building, and consists of nine rooms decorated with period furnishings and objects belonging to the poet and his family.
  • Museo Villa Urania: This museum contains numerous ceramics from Castelli produced in the 16th and 17th centuries.
  • Museo delle Genti d’Abruzzo: The Abruzzi people’s museum contains artefacts and objects illustrating life in Abruzzo from prehistoric times to the industrial revolution.
  • Museo d’arte moderna “Vittoria Colonna”
  • Museo Civico “Basilio Cascella”
  • Mediamuseum: The museum is housed in the old courthouse building and contains a collection of film posters, newspaper articles, photographs, paintings and multimedia exhibits on film and the theatre. It is also a video library.
  • Museo del Mare: The sea museum contains specimens of marine turtles and a collection of skeletons of whales found in the Mediterranean.
sea bridge
trabocchi

 

Events

  • Jazz Festival: Launched in 1969, this was Italy’s first summer jazz festival, and it inspired a series of others throughout the country. It is one of Europe’s most important jazz festivals and has been written about in some notable international jazz publications. The event takes place every year in July at the Teatro D’Annunzio.
  • Ennio Flaiano International Prize: The prize has been awarded every year since 1974 for excellence in film, theatre, literature and television.
Camuzzi towers

 

Skyline:

Flaiano bridge

The following is a list of Pescara’s tallest and most distinctive structures, including those to be completed in the next few years:

sea bridge
sea bridge

11 – Pescara (ita)

Pescara (Pescàre in abruzzese) è un comune italiano di 121.472 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia in Abruzzo. È la città più popolosa dell’Abruzzo ed è con L’Aquila sede degli uffici del Consiglio, della Giunta e degli Assessorati regionali. Pescara è anche sede, insieme a Chieti dell’Università Gabriele d’Annunzio di cui ospita quattro dipartimenti universitari, e del Conservatorio Luisa D’Annunzio, ed è inoltre dotata di un importante porto per il Mare Adriatico e dell’Aeroporto di Pescara, l’unico internazionale della regione.

porto

Pescara è situata sulla costa adriatica, a circa 4 m s.l.m. e si sviluppa intorno alla foce dell’Aterno-Pescara.

Pur essendo una città dall’aspetto prevalentemente moderno, a causa degli eventi che si sono susseguiti nel corso del tempo, Pescara ha antiche origini ed è vivace dal punto di vista culturale, avendo dato i natali a personalità come Gabriele D’Annunzio ed Ennio Flaiano ed essendo sede di importanti manifestazioni, quali ad esempio, il Pescara Jazz, il primo festival estivo italiano dedicato a questo genere musicale, ed il Premio Flaiano.

Molto forte è anche il legame della città abruzzese con lo sport: essa ha ospitato i Giochi del Mediterraneo 2009, la Coppa Acerbo dal 1924 al 1961, ed ospita ogni anno il Trofeo Matteotti. Inoltre, Pescara ha dato i natali ad importanti personalità dello sport, quali il pilota Jarno Trulli ed il calciatore Mario Pizziolo; pescaresi sono anche Massimo Oddo e Fabio Grosso.

centro storico, Corso Manthoné

 

– Monumenti e luoghi d’interesse –

ponte del Mare
cattedrale di San Cetteo

Pescara è una città dall’aspetto prevalentemente moderno, che ha conservato poche tracce del suo passato anche a causa dei pesantissimi bombardamenti subiti durante la seconda guerra mondiale e delle precedenti distruzioni nel corso della storia. Nonostante ciò, vi sono testimonianze del suo lontano passato ancora oggi esistenti, oltre a costruzioni recenti e moderne.

basilica della Madonna dei Sette Dolori
porto, trabocchi
  • cattedrale di San Cetteo
  • chiesa del Sacro Cuore
  • basilica della Madonna dei Sette Dolori
  • santuario della Madonna del Fuoco
  • chiesa di San Silvestro
  • “Bagno Borbonico” (l’antico carcere del Regno delle due Sicilie, che ha inglobato al suo interno i resti delle mura normanne e bizantine della città)
  • Nave di Cascella
  • ponte del Mare (è un ponte strallato ciclo-pedonale e, con i suoi 466 m di lunghezza tra le spalle ed i 172 m di luce dell’impalcato sospeso, è il più grande ponte ciclo-pedonale italiano ed uno dei maggiori d’Europa.)
  • trabocchi (strutture in legno abitabili costruite su delle palafitte e tradizionalmente usate per pescare)
  • aree naturali: Riserva Regionale Dannunziana \ Riserva Statale di Santa Filomena
chiesa del Sacro Cuore
Nave di Cascella
riserva naturale dannunziana
trabocchi

 

– Tradizioni e folcrore –

  • Ogni anno, la marineria pescarese festeggia il proprio santo protettore: sant’Andrea Apostolo. La tradizione della Festa di Sant’Andrea risale al 1867, da sempre commemorata nella zona del borgo marino vicino al porto, per devozione dei pescatori. Da quello stesso anno ed in tutti gli anni seguenti, la marineria ha celebrato il santo con una processione, che ha la caratteristica di svolgersi in mare.
  • La festa della Madonna dei Sette Dolori si svolge annualmente la prima domenica di giugno al santuario della Madonna dei sette dolori, secondo un’antichissima tradizione.
  • Nel mese di luglio di ogni anno e dal 1994, si svolge la Regata dei Gonfaloni, una gara tra imbarcazioni lunghe 8 metri e con 10 vogatori che si sfidano lungo il fiume Aterno-Pescara. Ogni imbarcazione rappresenta una marineria di altre città del mare Adriatico o di altre località del mare Mediterraneo.
  • Il 10 ottobre si festeggia il santo patrono: San Cetteo.
regata dei Gonfaloni

 

– Cultura e istruzione –

ponte del Mare

Università Gabriele d’Annunzio: Pescara ospita, insieme a Chieti, la sede di un campus della Università Gabriele d’Annunzio di Chieti-Pescara, in cui sono presenti le facoltà di architettura, economia, lingue e letterature straniere e di scienze manageriali.

Icra Network: (International Center for Relativistic Astrophisics) è un consorzio internazionale che promuove le attività di ricerca nel campo dell’astrofisica coadiuvando e collaborando con dipartimenti e centri presso l’Università di Roma “La Sapienza”, l’università di Stanford, l’università dello stato di Washington, lo Space Telescope Institute, negli Stati Uniti, e la Specola Vaticana, a Castel Gandolfo. Il consorzio ha sede nel cuore di Pescara nei locali della vecchia stazione ferroviaria ed ospita un centro di astrofisica. Il centro si propone l’obiettivo principale di coordinare e promuovere le attività di ricerca teorica e di modellistica ed utilizza i dati acquisiti da osservatori astronomici e astrofisici situati in tutto il mondo, nonché di quelli provenienti da missioni spaziali.

ISIA: L’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche è un ateneo pubblico dedicato al disegno industriale, a numero chiuso, presente a Roma, Firenze, Faenza, Urbino, facente parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ed inserito nel comparto AFAM. Pescara ospita la sede decentrata dell’ISIA di Roma ed accoglie il corso di laurea triennale in Disegno Industriale.

Conservatorio Luisa D’Annunzio: È una istituzione nata nel 1922 come “Corporazione musicale Luisa D’Annunzio“. Fu un’iniziativa di un gruppo di intellettuali della Pescara di allora e di Francesco Paolo Michetti per onorare Gabriele D’Annunzio, nominando la istituzione alla madre. Nel 1935 la corporazione diventa liceo, per poi essere trasformata in conservatorio di musica nel 1969.

torre D’Annunzio

Musei:

  • Museo casa natale Gabriele D’Annunzio: È la casa natale del poeta, un edificio settecentesco, proprietà della famiglia D’Annunzio a partire dall’Ottocento, che fu dichiarato monumento nazionale nel 1927. Fu ristrutturato per l’apertura da Giancarlo Maroni, architetto fidato al Vate. Il museo, allestito al primo piano della casa, è composto da nove sale e conserva arredi, mobili d’epoca e oggetti dello scrittore e della sua famiglia
  • Museo Villa Urania: vi si possono ammirare numerose maioliche di Castelli realizzate dal Cinquecento al Settecento
  • Museo delle Genti d’Abruzzo: è custode di reperti e testimonianze della vita abruzzese, dalla Preistoria alla Rivoluzione Industriale
  • Museo d’arte moderna “Vittoria Colonna”
  • Museo Civico “Basilio Cascella”
  • Mediamuseum: Ospitato nel vecchio Palazzo di giustizia, contiene una raccolta di locandine, articoli di giornale, foto, dipinti, pannelli e contenuti multimediali riguardanti il cinema e il teatro. Oltre a essere un museo, è anche una videoteca pubblica
  • Museo del Mare: Conserva diversi esemplari di tartarughe marine e una collezione di scheletri di cetacei del Mediterraneo, fra i quali un esemplare di capodoglio, e uno di balenottera comune
ponte del Mare
trabocchi

 

Eventi:

  • Festival del Jazz: è stato il primo festival estivo italiano dedicato al jazz. Nata nel 1969, la manifestazione è stata capofila di una serie di iniziative in tutto il territorio nazionale ed è una delle manifestazioni jazz più importanti in Europa, come evidenziato dalle più note riviste internazionali del settore. La manifestazione si svolge tutti gli anni nel mese di luglio presso il Teatro D’Annunzio
  • Premio Internazionale Ennio Flaiano: è un festival diviso in quattro sezioni: cinema, teatro, letteratura, televisione. Ha luogo ogni anno dal 1974
torri Camuzzi

 

Skyline:

ponte Flaiano

Segue la lista degli edifici più alti che caratterizzano ad oggi lo skyline di Pescara e quelli dei quali sarà completata la costruzione nei prossimi anni:

ponte del Mare
ponte del Mare

 

10 – Avezzano (eng)

Avezzano and the Fucino plain

Avezzano (Avezzanë in the local dialect) is a city in the province of L’Aquila with a population of 42,255.

panoramic view from the hill of the church of the Madonna of Pietraquaria

It has the second largest population in the province and the sixth largest in Abruzzo. Records indicate that it existed as early as the 9th century. It is the largest community in the Marsica and the area’s administrative centre.

courthouse

The regional courthouse and the episcopal curia of the Marsica diocese are both located in Avezzano.  The Faculty of Law of the University of Teramo has a campus here, as does the Faculty of Nursing Sciences of the University of L’Aquila. The Comunità Montana Marsicana, a local association of mountain municipalities, has its head office in the city. Not far from the entrance to the A25 motorway is the intermodal commercial centre Interporto. Avezzano is a major transportation hub for this mountainous region of central Italy, being served by a road, a railway and a motorway.  The city, which was the fifth most bombed city in Italy during World War II, was awarded a silver medal for civic merit after the war. The fact is commemorated in a plaque at the Palazzo di Città, or city hall.

Risorgimento square

 

Monuments and attractions:

the cathedral of the Marsi
  • The cathedral of the Marsi
  • The church of the Madonna di Pietraquaria
  • The church of San Giovanni Decollato
  • The church of San Rocco
  • The church of the Santissima Trinità
  • The church of San Pio X
  • The church of Santa Maria Goretti
  • The church of the Spirito Santo
  • The church of Sant’Isidoro Agricoltore
  • The church of San Gabriele dell’Addolorata
  • The Orsini-Colonna castle
  • The Cunicoli di Claudio archaeological park (the cuniculi were flood control tunnels built by the emperor Claudius)
  • The Alba Fucens archaeological site
  • The Riserva Naturale Guidata Monte Salviano
  • The Museo Lapidario Marsicano (Marsica gravestone museum)
  • The courthouse, designed in eclectic neoclassical style by the architect Luigi Gallo
Torlonia palace, before 1915
Alba Fucens

Avezzano was razed to the ground both in 1915 and in 1944, and therefore, unlike other Abruzzo communities, has lost much of its architectural heritage. Only the following remain:

  • two stone portals from the church of San Nicola, kept in the “Giovanni Bozzi” section of the Aia dei Musei museum complex on via Nuova, together with the collection of Roman tombstones formerly housed in the Museo Lapidario Marsicano;
  • the 16th century fountain of Marcantonio Colonna, located in the street of the same name;
  • the circular 19th century fountain in the middle of Villa Torlonia; and
  • remnants of the façade of the church Collegiata di San Bartolomeo, located on Largo San Bartolomeo; it is a symbol of the city’s survival of the 1915 earthquake.

Also interesting is the bronze monument to the war dead.

19th century fountain

Nearly at the top of a path that goes up Mount Salviano is a chapel. In the chapel is a stone bearing a mark that, according to an early 19th century legend, was made when it was struck by the hoof of a horse ridden by the Virgin Mary. At that location, the Virgin met a young deaf-and-dumb shepherd from Avezzano. She restored his speech and hearing, and asked him to instruct the local inhabitants to rebuild the church in Piatraquaria that had been dedicated to her.

Alba Fucens – Roman road
flood control tunnels built under emperor Claudius

 

Celebrations and festivals:

Focaracci
  • April 26: When evening falls, focaracci, or bonfires, are lit in every part of town. The fires, which are inspired by the bonfires of the Celtic festival of Beltane, are in honour of the Madonna of Pietraquaria. People gather around them singing traditional and religious songs and holding impromptu concerts. The event also serves as an opportunity to meet immigrants who have returned to Avezzano from every part of the world.
  • December: From December 6 to December 8, a Christmas market is held in the elegant Piazza Risorgimento. An entire Christmas village, constructed of wooden sheds decorated with coloured lights, brings the magic of Christmas to the centre of Avezzano. Christmas crafts and decorations are for sale, and Christmas characters circulate through the various events. An attractive ice skating rink is set up inside the village.
  • December 26: This is the day of Saint Stephen’s Fair, a major event attended by thousands of people from the area and from central Italy. Hundreds of stands offer products of every type, including local specialties.
the Orsini-Colonna castle

 

Agriculture: Many food growers operate farms in the Fucino Basin, and their produce is of very high quality. Especially prized are the excellent potatoes, which in 2014 were awarded a special IGP designation by the European Union. Carrots, lettuces, and many other types of vegetables are also grown. In Abruzzo, 25% of the agricultural production is from the Fucino Basin.

Fucino plain

 

Industry: The city’s industrial sector is the economic engine of the province. It was launched in the 1970s and occupies an area just outside the city, in the direction of Luco dei Marsi. Numerous plants and factories are located here, including many in the innovation and technology sector, which employs 1,600 people. Foremost among these are L-Foundry (formerly Micron Technology), a giant in the production of specialized electronics; Arabian TV (Kidco); the Burgo paper mills (Burgo Group); and Fiamm, Saes and Presider.

Telespazio

Not far from here is Telespazio’s Fucino Space Centre, headed by Pietro Fanti. It is one of the world’s foremost providers of satellite services, is connected to an international network of space centres and teleports, and operates many subsidiaries throughout the world.

Near the Telespazio head office, a space has been reserved for displaying the rudder and propeller of Guglielmo Marconi’s yacht Elettra, which served as a “floating laboratory” for the scientist from 1919 to the 1930s. The placement of these objects is highly symbolic, because it establishes a link between modern space communications technology and the genius who pioneered such work. Metal fragments of the vessel were analyzed at the request of Rome’s Chamber of Commerce, Industry, Crafts and Agriculture, which then decided to have the objects restored.

Elettra

10 – Avezzano (ita)

Avezzano e piana del Fucino

Avezzano (Avezzanë in dialetto abruzzese) è un comune italiano di 42.255 abitanti della Provincia dell’Aquila in Abruzzo, elevato a Città con Decreto del presidente della Repubblica.

veduta panoramica dalla collina del santuario della Madonna di Pietraquaria

È il secondo comune più popoloso della Provincia e il sesto della Regione. Documentata come esistente già nel IX secolo, col tempo è diventato il capoluogo della Marsica, di cui è il comune più grande.

tribunale

È sede del Tribunale e della Curia vescovile della Diocesi dei Marsi. Ospita la sede distaccata della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Teramo e i corsi di Laurea in Scienze Infermieristiche dell’Università dell’Aquila. È sede della Comunità Montana Marsicana. Nei pressi del casello autostradale della A25 è presente lo snodo commerciale dell’Interporto: la città è un importante nodo geografico, stradale, ferroviario ed autostradale dell’area appenninica del centro Italia. Avezzano è Medaglia d’argento al merito civile poiché fu la quinta città d’Italia per gravità di danni da bombardamenti alleati, come ricorda una targa commemorativa nel Palazzo di Città.

piazza Risorgimento

 

– Monumenti e luoghi d’interesse –

cattedrale dei Marsi
palazzo Torlonia, prima del 1915
Alba Fucens

Totalmente rasa al suolo nel 1915 e di nuovo nel 1944, la città di Avezzano non presenta un aspetto monumentale come altre località abruzzesi. Gli elementi d’interesse sono: i due portali in pietra della chiesa di San Nicola (conservati presso la nuova collocazione dell’Aia dei Musei, intitolata a “Giovanni Bozzi”, in via Nuova, insieme alla collezione dei reperti lapidei funerari di epoca romana dell’ex Museo Lapidario Marsicano), il fontanile cinquecentesco di Marcantonio Colonna (sito nell’omonima strada), la fontana circolare ottocentesca posta al centro di Villa Torlonia, i resti della facciata della Collegiata di San Bartolomeo in largo San Bartolomeo (simbolo della città rinata dopo il sisma del 1915). Interessante anche il monumento bronzeo ai Caduti delle Guerre.

fontana ottocentesca

Quasi alla sommità del sentiero di salita sul monte Salviano si incontra la cappella che conserva la pietra dove, all’inizio dell’Ottocento, si racconta, che il cavallo della Madonna incise con un colpo un suo zoccolo. Maria, dopo averlo incontrato, chiese ad un pastorello sordomuto avezzanese, ridonandogli parola e udito, di invitare gli abitanti a ricostruire il santuario di Pietraquaria a Lei dedicato.

Alba Fucens, strada romana
cunicoli di Claudio

 

– Feste e manifestazioni –

Focaracci
  • 26 aprile: allo scendere della sera vengono accesi in tutti i quartieri della città i cosiddetti “focaracci”, fuochi devozionali (sul modello dei fuochi di Beltane) alla Madonna di Pietraquaria, attorno ai quali si eseguono canti popolari e religiosi e piccoli concerti musicali. La festa è un’occasione per rincontrare gli emigranti che tornano ad Avezzano da ogni dove
  • Dicembre: dal 6 al 28 dicembre Avezzano ospita il mercatino di Natale, nella elegante Piazza Risorgimento. Un intero villaggio di Natale, con chioschi in legno e luci colorate ad ornare ogni angolo, porta la magia dell’Avvento in centro ad Avezzano, oltre alle attività di vendita di prodotti e oggettistica natalizia, personaggi caratteristici che animano l’evento. All’interno del villaggio viene allestita una caratteristica pista di pattinaggio sul ghiaccio
  • 26 dicembre: Fiera di Santo Stefano. Importante appuntamento fieristico che fa registrare ogni anno migliaia di visitatori che giungono ad Avezzano dai centri marsicani e del centro Italia. Centinaia di stand presentano prodotti di ogni genere e i prodotti tipici locali
castello Orsini-Colonna

 

Agricoltura: Numerose aziende agricole della piana del Fucino si distinguono per la qualità degli ortaggi. Particolarmente rinomate sono le squisite patate per le quali nel 2014 si è concluso felicemente l’iter per il riconoscimento del marchio di qualità IGP (indicazione geografica protetta) attribuito dall’Unione europea. Numerose le altre qualità di ortaggi: carota dell’altopiano del Fucino IGP, insalate e ogni genere di prodotto orticolo. In Abruzzo il 25% del PIL agricolo arriva dal Fucino.

piana del Fucino

 

Industria: Sorto negli anni settanta appena fuori dalla città, in direzione Luco dei Marsi, il Nucleo Industriale annovera numerosissime attività industriali e di produzione merceologica ed è il motore dell’economia della Provincia. Tra queste spicca la ex Micron Technology, attuale L-Foundry, gigante della produzione elettronica altamente specializzata. Nel fab “innovation & technology” di Avezzano lavorano 1.600 addetti. Ricordiamo inoltre la TV Araba (Kidco), le Cartiere Burgo (Burgo group), la Fiamm, la Saes, la Presider e numerose altre imprese specializzate.

Telespazio

Non distante il centro spaziale del Fucino “Piero Fanti” di Telespazio: tra i principali operatori al mondo nei servizi satellitari, conta su una rete internazionale di centri spaziali e teleporti e opera in tutto il mondo attraverso numerose società controllate.

Quasi a collegare simbolicamente la moderna tecnologia delle comunicazioni spaziali con quella pionieristica del genio di Guglielmo Marconi, presso la sede Telespazio del Fucino è stata situata la parte rimanente (elica e timone) della poppa del panfilo “Elettra” sul quale Marconi dal 1919 sino agli anni ’30 effettuò studi ed esperimenti, primo “laboratorio galleggiante” della storia. Alcuni frammenti ferrosi dello scafo sono stati fatti analizzare dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura (CCIAA) di Roma che ha deciso il recente restauro.

Elettra

09 – Celano (eng)

Celano is a city with a population of 11,184 located in the Marsica, in the province of L’Aquila.

the Piccolomini castle

 

Monuments and attractions:

the Piccolomini castle
  • The Piccolomini castle, located at the heart of the historic centre; it is Celano’s most important monument.
  • The church of San Michele Arcangelo
  • The little church of La Madonnina
  • The little church of San Leonardo
  • The church of San Rocco
  • The church of Santa Maria delle Grazie
  • The church of San Giovanni Battista
  • The church of San Francesco
  • The church of the Madonna del Carmine
  • The church of the Sacro Cuore
  • The church of Santa Maria Valleverde
  • The Museo d’Arte Sacra della Marsica, located inside the castle
  • The Museo della Preistoria

Outside of town, but still within its boundaries, are the gorges known as the gole di Celano, which are worth a visit.

gorges

The city is remembered in the fresco “Death of the Knight of Celano”, No. 16 in the cycle of frescoes illustrating The Legend of Saint Francis, in the Upper Church of Saint Francis in Assisi.

the Piccolomini castle