Riserve

canis lupus

canis lupus

 

Vediamo come, da Cocullo, è possibile raggiungere le più suggestive aree protette d’Abruzzo e dintorni!

 

Riserva naturale guidata Gole di San Venanzio, 24,2 km – 23min

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Riserva naturale guidata Gole di S. Venanzio è un’area naturale protetta istituita con legge della Regione Abruzzo n° 84 del 1998. Ha un’estensione di 1.072 ettari, ricadenti interamente nel territorio del comune di Raiano.

 

Riserva Naturale Regionale Montagne della Duchessa, 60,5 km – 39min

dintorni - riserva regionale montagne della duchessa 2

La Riserva Naturale Regionale delle Montagne della Duchessa, è una riserva naturale regionale che rientra nel Sistema delle Aree Protette della Regione Lazio. Istituita con la legge Regionale 70/90, si estende per circa 3500 ettari, interamente nel territorio del Comune di Borgorose, nel basso Cicolano, in Provincia di Rieti, nel territorio montuoso dei Monti della Duchessa. Il confine orientale e meridionale dell’area protetta coincide con quello regionale della limitrofa Regione Abruzzo sovrapponendosi a quello del Parco regionale naturale del Sirente – Velino, assieme al quale protegge un unicum ecologico rappresentativo dell’ecosistema appenninico.

dintorni - riserva regionale montagne della duchessa 1

Chi proviene da Rieti può prendere la strada a scorrimento veloce Salto-Cicolana per Borgorose e in poco più di mezz’ora arrivare a Corvaro. Si può accedere alla Riserva tramite due accessi principali: uscendo a sinistra, dopo l’uscita autostradale Valle del Salto della A24, sulla strada che da Corvaro porta a Santa Anatolia – Torano di Borgorose, si prende la strada che conduce al caratteristico borgo di Cartore, punto di partenza dei principali sentieri escursionistici del versante meridionale della Riserva; oppure percorrendo via dello Sport a Corvaro, salendo attraverso Valle Amara, si accede invece al settore nord-orientale della Riserva.

 

Riserva naturale Monte Velino, 51,5 km – 51min

dintorni - riserva naturale monte velino

La Riserva naturale Monte Velino è un’area naturale protetta della Regione Abruzzo istituita nel 1987. Occupa una superficie di 3.550,00 ettari sul Monte Velino, ricadente nel territorio della Provincia dell’Aquila. È la naturale prosecuzione dell’adiacente Riserva regionale Montagne della Duchessa nella Regione Lazio.

 

Riserva naturale guidata Zompo lo Schioppo, 65,8 km – 58min

dintorni - riserva naturale guidata zompo lo schioppo

La Riserva naturale guidata Zompo lo Schioppo è una area naturale protetta dell’Abruzzo, istituita nel 1987. Comprende un’area di circa 1.025 ettari più 300 ettari di fascia di rispetto, situata interamente nel territorio del comune di Morino, provincia dell’Aquila all’interno della Comunità montana Valle Roveto. La cascata di Zompo lo Schioppo, situata nel territorio del comune di Morino, rappresenta la cascata più alta di tutto l’appennino centrale; le acque precipitano da un’altezza di circa 130 metri per poi confluire a valle verso l’abitato di Morino.

 

Riserva naturale Lama Bianca, 66,7 km – 1h 4min

dintorni - riserva naturale lama bianca di sant.eufemia a maiella

La Riserva naturale Lama Bianca di Sant’Eufemia a Maiella è un’area naturale protetta dell’Abruzzo istituita con decreto del Ministero dell’Ambiente il 5 giugno 1987. Occupa una superficie di 1.407 ettari nel territorio comunale di Sant’Eufemia a Maiella.

 

Riserva naturale Valle dell’Orfento, 64,3 km – 1h 5min

dintorni - riserva naturale valle dell'orfento

La Riserva naturale Valle dell’Orfento è un’area naturale protetta dell’Abruzzo istituita nel 1971. Occupa una superficie di 1.920 ettari nella provincia di Pescara.

 

Riserva naturale guidata Calanchi di Atri, 106 km – 1h 10min

dintorni - riserva naturale guidata calanchi di atri

La Riserva naturale guidata Calanchi di Atri è una area naturale protetta dell’Abruzzo adriatico, istituita nel 1995. Comprende un’area di circa 380 ettari, situata interamente nel territorio del comune di Atri, antica città d’arte in provincia di Teramo. Per raggiungere la riserva si può uscire al casello Atri-Pineto dell’autostrada A/14 Adriatica, quindi basta seguire le indicazioni per Atri centro (che è a 7 chilometri dal casello autostradale). Una volta ad Atri città, bisogna seguire i cartelli marroni indicanti la riserva.

 

Riserva regionale Majella Orientale, 100 km – 1h 30min

dintorni - riserva regionale majella orientale, fara san martino

La Riserva regionale Majella Orientale è un’area naturale protetta dell’Abruzzo istituita nel 1991. La riserva, che è un’oasi WWF, occupa il versante orientale della Majella nella provincia di Chieti.

 

Riserva naturale di Fara San Martino Palombaro, 101 km – 1h 31min

dintorni - riserva naturale fara san martino palombaro

La Riserva naturale Fara San Martino Palombaro è un’area naturale protetta dell’Abruzzo istituita nel 1983. Occupa una superficie di 4.202 ettari all’interno del Parco Nazionale della Majella. La riserva si estende tra i comuni di Fara San Martino e Palombaro, in provincia di Chieti. La riserva è caratterizzata dalla presenza delle Gole di Fara San Martino, una sorta di forra formata dall’erosione del torrente Verde. Una leggenda vuole che le gole fossero state aperte dalle braccia di san Martino, probabile riferimento cristiano di Ercole e delle colonne d’Ercole. Il vallone è lungo 14 km ed ha un dislivello di 2400 m. Sparse per tutta la riserva, inoltre vi sono numerose grotte di cui alcune sono state trasformate nel corso del tempo in luoghi di culto, altre sono diventate rifugio di pastori e briganti. Nella zona della riserva, la presenza umana è attestata sin dall’epoca dell’Età del Bronzo.

 

Riserva naturale guidata Cascate del Verde, 84,1 km – 1h 45min

dintorni - riserva naturale guidata cascate del verde

La Riserva naturale guidata Cascate del Verde è una area naturale protetta dell’Abruzzo, istituita nel 2001. Comprende un’area di circa 287 ettari situata nel comune di Borrello in provincia di Chieti. Le cascate del Verde, ad 800 m s.l.m., sono le cascate più alte dell’appennino, e le seconde in Italia. Hanno un dislivello di 200 metri, e sulla parete rocciosa ci sono tre distinti salti. Il Rio Verde, le cui sorgenti si trovano al confine con il Molise, è uno degli affluenti del fiume Sangro.

 

Riserva regionale Gole del Salinello, 151 km – 1h 50min

dintorni - parco regionale gole del salinello

La Riserva naturale Gole del Salinello è un’area naturale protetta della provincia di Teramo, in Abruzzo, a tutela dell’habitat delle gole create dal fiume Salinello. La Riserva si trova all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Nella parte più stretta le pareti di roccia, alte fino a duecento metri, si tuffano perpendicolarmente nel fiume. Molti turisti, nel periodo estivo, approfittano per fare il bagno nelle fresche acque del fiume, che nella bella stagione non superano i 16 gradi. Sulle pareti rocciose sono presenti degli eremi rupestri, ossia delle grotte dove un tempo vivevano gli eremiti. La grotta più famosa ed estesa è la Grotta Sant’Angelo o di san Michele Arcangelo: profonda 30 m e larga 10 m, in alcuni punti raggiunge un’altezza di 30 m. utilizzata fin dal Paleolitico, è stata oggetto di scavi archeologici che hanno portato alla luce reperti databili fino al 6000 a.C. I culti pagani hanno caratterizzato il luogo per secoli, fino all’identificazione della grotta con il culto cattolico risalente a prima del 1236, quando venne costruito l’altare dedicato all’Arcangelo Michele. Di difficile accesso leremo di Santa Maria Scalena, mentre è più facile raggiungere i resti dell’eremo di San Francesco alle Scalelle.

dintorni - parco regionale gole del salinello 3

Si raggiungono da valle camminando per circa trenta minuti a partire da Ripe, frazione del comune di Civitella del Tronto. Da monte si possono raggiungere a piedi partendo da Macchia da Sole, nei pressi di Castel Manfrino. Attualmente, un’ordinanza comunale vieta l’accesso alle Gole.

dintorni - parco regionale gole del salinello 2