Avezzano

 

Avezzano e piana del Fucino

Avezzano e piana del Fucino

 

Avezzano (Avezzanë in dialetto abruzzese) è un comune italiano di 42.255 abitanti della Provincia dell’Aquila in Abruzzo, elevato a Città con Decreto del presidente della Repubblica.

veduta panoramica dalla collina del Santuario della Madonna di Pietraquaria

veduta panoramica dalla collina del Santuario della Madonna di Pietraquaria

È il secondo comune più popoloso della Provincia e il sesto della Regione. Documentata come esistente già nel IX secolo, col tempo è diventato il capoluogo della Marsica, di cui è il comune più grande.

tribunale

tribunale

È sede del Tribunale, della Curia vescovile della Diocesi dei Marsi. Ospita la sede distaccata della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Teramo e i corsi di Laurea in Scienze Infermieristiche dell’Università dell’Aquila. È sede della Comunità Montana Marsicana. Nei pressi del casello autostradale della A25 è presente lo snodo commerciale dell’Interporto: la città è un importante nodo geografico, stradale, ferroviario ed autostradale dell’area appenninica del centro Italia. Avezzano è Medaglia d’argento al merito civile poiché fu la quinta città d’Italia per gravità di danni da bombardamenti alleati, come ricorda una targa commemorativa nel Palazzo di Città.

piazza Risorgimento

piazza Risorgimento

 

– Monumenti e luoghi d’interesse –

Cattedrale dei Marsi

Cattedrale dei Marsi

 

palazzo Torlonia, prima del 1915

palazzo Torlonia, prima del 1915

Alba Fucens

Alba Fucens

 

Totalmente rasa al suolo nel 1915 e di nuovo nel 1944, la città di Avezzano non presenta un aspetto monumentale come altre località abruzzesi. Gli elementi d’interesse sono: i due portali in pietra della chiesa di San Nicola (conservati presso la nuova collocazione dell’Aia dei Musei, intitolata a “Giovanni Bozzi”, in via Nuova, insieme alla collezione dei reperti lapidei funerari di epoca romana dell’ex Museo Lapidario Marsicano), il fontanile cinquecentesco di Marcantonio Colonna (sito nell’omonima strada), la fontana circolare ottocentesca posta al centro di Villa Torlonia, i resti della facciata della Collegiata di San Bartolomeo in largo San Bartolomeo (simbolo della città rinata dopo il sisma del 1915). Interessante anche il monumento bronzeo ai Caduti delle Guerre. Quasi alla sommità del sentiero di salita sul monte Salviano si incontra la cappella che conserva la pietra dove, all’inizio dell’Ottocento, si racconta, che il cavallo della Madonna incise con un colpo un suo zoccolo. Maria, dopo averlo incontrato, chiese ad un pastorello sordomuto avezzanese, ridonandogli parola e udito, di invitare gli abitanti a ricostruire il santuario di Pietraquaria a Lei dedicato.

fontana ottocentesca

fontana ottocentesca

Alba Fucens, strada romana

Alba Fucens, strada romana

cunicoli di Claudio

cunicoli di Claudio

 

– Feste e manifestazioni –

Focaracci

Focaracci

 

  • 26 aprile: allo scendere della sera vengono accesi in tutti i quartieri della città i cosiddetti “focaracci”, fuochi devozionali (sul modello dei fuochi di Beltane) alla Madonna di Pietraquaria, attorno ai quali si eseguono canti popolari e religiosi e piccoli concerti musicali. La festa è un’occasione per rincontrare gli emigranti che tornano ad Avezzano da ogni dove
  • Dicembre: dal 6 al 28 dicembre Avezzano ospita il mercatino di Natale, nella elegante Piazza Risorgimento. Un intero villaggio di Natale, con chioschi in legno e luci colorate ad ornare ogni angolo, porta la magia dell’Avvento in centro ad Avezzano, oltre alle attività di vendita di prodotti e oggettistica natalizia, personaggi caratteristici che animano l’evento. All’interno del villaggio viene allestita una caratteristica pista di pattinaggio sul ghiaccio
  • 26 dicembre: Fiera di Santo Stefano. Importante appuntamento fieristico che fa registrare ogni anno migliaia di visitatori che giungono ad Avezzano dai centri marsicani e del centro Italia. Centinaia di stand presentano prodotti di ogni genere e i prodotti tipici locali

 

castello Orsini-Colonna

castello Orsini-Colonna

 

Agricoltura: Numerose aziende agricole della piana del Fucino si distinguono per la qualità degli ortaggi. Particolarmente rinomate sono le squisite patate per le quali nel 2014 si è concluso felicemente l’iter per il riconoscimento del marchio di qualità IGP (indicazione geografica protetta) attribuito dall’Unione europea. Numerose le altre qualità di ortaggi: carota dell’altopiano del Fucino IGP, insalate e ogni genere di prodotto orticolo. In Abruzzo il 25% del PIL agricolo arriva dal Fucino.

piana del Fucino

piana del Fucino

 

Industria: Sorto negli anni settanta appena fuori dalla città in direzione Luco dei Marsi, il Nucleo Industriale annovera numerosissime attività industriali e di produzione merceologica ed è il motore dell’economia della Provincia. Tra queste spicca la ex Micron Technology, attuale L-Foundry, gigante della produzione elettronica altamente specializzata. Nel fab “innovation & technology” di Avezzano lavorano 1.600 addetti. Ricordiamo inoltre la TV Araba (Kidco), le Cartiere Burgo (Burgo group), la Fiamm, la Saes, la Presider e numerose altre imprese specializzate. Non distante il centro spaziale del Fucino “Piero Fanti” di Telespazio: tra i principali operatori al mondo nei servizi satellitari, conta su una rete internazionale di centri spaziali e teleporti e opera in tutto il mondo attraverso numerose società controllate. Quasi a collegare simbolicamente la moderna tecnologia delle comunicazioni spaziali con quella pionieristica del genio di Guglielmo Marconi, presso la sede Telespazio del Fucino è stata situata la parte rimanente (elica e timone) della poppa del panfilo “Elettra” sul quale Marconi dal 1919 sino agli anni ’30 effettuò studi ed esperimenti, primo “laboratorio galleggiante” della storia. Alcuni frammenti ferrosi dello scafo sono stati fatti analizzare dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura (CCIAA) di Roma che ha deciso il recente restauro.

Telespazio

Telespazio